Benvenuto Visitatore ( Connettiti | Registrati )

Cerca nel forum
Loading
Ricerca avanzata



Pagine : (89) « Prima ... 87 88 [89]   ( Vai al primo messaggio non letto ) Rispondi a questa discussioneInizia nuova discussioneNuovo Sondaggio

> POLITICA ESTERA, Vol. V
 
Mist
Inviato il: Giovedì, 13-Giu-2019, 13:15
Quote Post


Indagatore dell'Incubo
**

Gruppo: Members
Messaggi: 3886
Utente Nr.: 5800
Iscritto il: 28-Ott-2010
Città:



Segnalo che su SKYNEWS alle 19:30 oggi ci sarà un'intervista al leader libico al-Sarraj
PM
Top
 
Peter Parker
Inviato il: Giovedì, 13-Giu-2019, 13:17
Quote Post


Imperatrice spifferona
*********

Gruppo: Members
Messaggi: 120564
Utente Nr.: 34
Iscritto il: 30-Giu-2004
Città: Fuffaverso



Due petroliere presenti nel Golfo dell’Oman hanno lanciato richieste di soccorso per degli “attacchi” subiti questa mattina nei presso dello Stretto di Hormuz, fra le coste dell’Iran e del sultanato. Lo riferisce il sito di informazione online specializzato Tradewinds, spiegando che è in corso un incendio. L’episodio arriva a poche settimane di distanza da un fatto analogo, quando quattro navi, incluse due petroliere saudite, erano state sabotate in quello che Washington ha subito indicato come un attacco iraniano.

Le navi in questione sono la norvegese Front Altair, battente bandiera delle Isole Marshall, che aveva caricato petrolio nel porto di Fujairah negli Emirati, e la giapponese Kokuka Sangyo, battente bandiera di Panama, che aveva caricato metanolo in Arabia Saudita ed era diretta a Singapore. La compagnia norvegese Frontline ha confermato che la petroliera Altair è in fiamme nel Golfo dell’Oman, probabilmente colpita poco prima da un “siluro”. “Possiamo confermare che
c’è stato un attacco. C’è stata un’esplosione a bordo della nave di proprietà norvegese”, ha affermato Nesser Selin, portavoce della guardia costiera dell’Oman.

La marina iraniana ha fatto sapere di aver soccorso i membri dei due equipaggi, 44 persone in tutto. L’agenzia di stampa ufficiale Irna scrive che i marinai “sono stati salvati dall’unità di soccorso della provincia di Hormozgan e trasferiti nel porto di Bandar-e-Jas”.

Il ministro degli Esteri iraniano, Javad Zarif, ha definito “sospetti” gli attacchi alle petroliere e ha fatto appello al dialogo regionale per evitare tensioni. In un tweet, il capo della diplomazia iraniana ha voluto sottolineare che “i riferiti attacchi a cargo legati al Giappone sono avvenuti mentre il premier di Tokyo, Shinzo Abe, sta incontrando il leader supremo dell’Iran, l’ayatollah Ali Khamenei per colloqui approfonditi e amichevoli”. “Dire che è sospetto non è abbastanza per descrivere ciò che probabilmente è successo questa mattina”, ha conclsuo Zarif, “il Forum di dialogo regionale proposto dall’Iran è imperativo”.

L’effetto degli ”’incidenti” si è fatto subito sentire sui mercati, con le quotazioni in rialzo del 3% dopo l’esplosione delle due petroliere. Il greggio Wti è salito a 52,6 dollari al barile e il Brent a 61,8 dollari.


--------------------
La mia striscia avventurosa:

FRANK CARTER: AVVENTURE DI UNA SPIA PER CASO

11 agosto 2015: spammone supremo
Informatore dei Mod, detto anche "Spifferone Parker"
Noto anche come "Necrologio Parker"

Nuvole di Celluloide, la mia rubrica ogni Lunedì su Lo Spazio Bianco.

Fumettinvendita BLOG
PMUsers Website
Top
 
Mist
Inviato il: Giovedì, 13-Giu-2019, 13:41
Quote Post


Indagatore dell'Incubo
**

Gruppo: Members
Messaggi: 3886
Utente Nr.: 5800
Iscritto il: 28-Ott-2010
Città:



Tre soldati turchi leggermente feriti ad Idlib (Siria) durante un bombardamento della SAA: https://twitter.com/Kyruer/status/1139080863981998081
PM
Top
 
Mist
Inviato il: Giovedì, 13-Giu-2019, 14:06
Quote Post


Indagatore dell'Incubo
**

Gruppo: Members
Messaggi: 3886
Utente Nr.: 5800
Iscritto il: 28-Ott-2010
Città:



Erdogan ha dichiarato che i missili russi S-400 sono già stati comprati e arriveranno in Turchia il prossimo mese: https://twitter.com/Ozkok_A/status/11388972...0632453/video/1
La lira turca cala dopo questa dichiarazione
https://ahvalnews.com/turkish-lira/turkish-...obox=1560421961



Messaggio modificato da Mist il Giovedì, 13-Giu-2019, 16:12
PM
Top
 
Mist
Inviato il: Giovedì, 13-Giu-2019, 16:09
Quote Post


Indagatore dell'Incubo
**

Gruppo: Members
Messaggi: 3886
Utente Nr.: 5800
Iscritto il: 28-Ott-2010
Città:



La prossima settimana il Congresso USA voterà per bloccare le vendite d'armi all'Arabia Saudita. Il voto, che bloccherà la risoluzione di Trump che permetteva la vendita aggirando la supervisione del Congresso, richiederà una maggioranza semplice ed è sponsorizzata dai senatori: Rand Paul, Lindsey Graham, e Todd Young.
https://thehill.com/homenews/senate/448054-...saudi-arms-sale
PM
Top
 
Mist
Inviato il: Giovedì, 13-Giu-2019, 20:07
Quote Post


Indagatore dell'Incubo
**

Gruppo: Members
Messaggi: 3886
Utente Nr.: 5800
Iscritto il: 28-Ott-2010
Città:



QUOTE (Peter Parker @ Giovedì, 13-Giu-2019, 12:17)
Due petroliere presenti nel Golfo dell’Oman hanno lanciato richieste di soccorso per degli “attacchi” subiti questa mattina nei presso dello Stretto di Hormuz, fra le coste dell’Iran e del sultanato. Lo riferisce il sito di informazione online specializzato Tradewinds, spiegando che è in corso un incendio. L’episodio arriva a poche settimane di distanza da un fatto analogo, quando quattro navi, incluse due petroliere saudite, erano state sabotate in quello che Washington ha subito indicato come un attacco iraniano.

Le navi in questione sono la norvegese Front Altair, battente bandiera delle Isole Marshall, che aveva caricato petrolio nel porto di Fujairah negli Emirati, e la giapponese Kokuka Sangyo, battente bandiera di Panama, che aveva caricato metanolo in Arabia Saudita ed era diretta a Singapore. La compagnia norvegese Frontline ha confermato che la petroliera Altair è in fiamme nel Golfo dell’Oman, probabilmente colpita poco prima da un “siluro”. “Possiamo confermare che
c’è stato un attacco. C’è stata un’esplosione a bordo della nave di proprietà norvegese”, ha affermato Nesser Selin, portavoce della guardia costiera dell’Oman.

La marina iraniana ha fatto sapere di aver soccorso i membri dei due equipaggi, 44 persone in tutto. L’agenzia di stampa ufficiale Irna scrive che i marinai “sono stati salvati dall’unità di soccorso della provincia di Hormozgan e trasferiti nel porto di Bandar-e-Jas”.

Il ministro degli Esteri iraniano, Javad Zarif, ha definito “sospetti” gli attacchi alle petroliere e ha fatto appello al dialogo regionale per evitare tensioni. In un tweet, il capo della diplomazia iraniana ha voluto sottolineare che “i riferiti attacchi a cargo legati al Giappone sono avvenuti mentre il premier di Tokyo, Shinzo Abe, sta incontrando il leader supremo dell’Iran, l’ayatollah Ali Khamenei per colloqui approfonditi e amichevoli”. “Dire che è sospetto non è abbastanza per descrivere ciò che probabilmente è successo questa mattina”, ha conclsuo Zarif, “il Forum di dialogo regionale proposto dall’Iran è imperativo”.

L’effetto degli ”’incidenti” si è fatto subito sentire sui mercati, con le quotazioni in rialzo del 3% dopo l’esplosione delle due petroliere. Il greggio Wti è salito a 52,6 dollari al barile e il Brent a 61,8 dollari.

Adesso si parla, come nel caso precedente, di mine attaccate agli scafi delle navi. Gli americani dicono d'averne trovata una inesplosa: https://twitter.com/ELINTNews/status/113922...2630946816?s=20
PM
Top
 
La Verità
Inviato il: Venerdì, 14-Giu-2019, 01:44
Quote Post


Yellow Kid


Gruppo: Members
Messaggi: 70
Utente Nr.: 13185
Iscritto il: 25-Apr-2019
Città:



Puzza di israeliani e sauditi...
PMEmail Poster
Top
 
robi54bd
Inviato il: Venerdì, 14-Giu-2019, 09:14
Quote Post


Agente T.N.T.
**

Gruppo: Members
Messaggi: 3395
Utente Nr.: 6489
Iscritto il: 15-Apr-2011
Città: varese



Manifesto pubblicato sul “New York Time”, “Don’t ban equality” (“Non mettere al bando l’uguaglianza), un documento sottoscritto da alcuni tra i magnati più ricchi degli Stati Uniti, come Peter Grauer, a.d. di Bloomberg, Ezinne Kwubiri di H&M e tanti altri.

Un lungo soliloquio incentrato sui rischi che le loro aziende stanno correndo, a seguito della svolta “pro life” degli Usa... per far intendere un messaggio ben chiaro: "Limitare l’accesso a cure riproduttive complete – si legge nel documento -, incluso l’aborto, minaccia la salute, la stabilità e l’indipendenza sia dei nostri clienti, sia dei nostri dipendenti“.

Un attacco dei capitalisti a quegli stati degli Usa che DEMOCRATICAMENTE hanno un po' ristretto l'aborto a go go.
Altra dimostrazione che il capitalismo senza freni porta ad un mondo totalitario dove deve valere NELLE LEGGI un solo pensiero (il loro) INDIPENDENTEMENTE DAL FATTO CHE LA GENTE VOTI IN MODO CONTRARIO.
PMEmail Poster
Top
 
MrGarak
Inviato il: Venerdì, 14-Giu-2019, 09:52
Quote Post


Diavolo Rosso
***

Gruppo: Members
Messaggi: 5385
Utente Nr.: 258
Iscritto il: 03-Lug-2004
Città: Cardassia Prime



QUOTE (La Verità @ Venerdì, 14-Giu-2019, 01:44)
Puzza di israeliani e sauditi...

Certo che quando persino Repubblica allude a una cosa del genere... tutto dire.


--------------------
"Se sorgesse una societa' del demonio che combattesse despoti e preti, mi arruolerei nelle sue file" (G. Garibaldi)

"La fama degli uomini grandi spetta per lo più tre quarti alla sorte, e un quarto ai loro delitti".... (U. Foscolo)

"Tre cose desidero vedere innanzi della mia morte; ma dubito, ancora che io vivessi molto, non ne vedere alcuna: uno vivere di repubblica bene ordinata nella città nostra; l'Italia liberata da tutti e barbari; e liberato il mondo dalla tirannide di questi preti".
(F. Guicciardini)
PM
Top
 
Neutron
Inviato il: Venerdì, 14-Giu-2019, 09:57
Quote Post


Anti-Monitor
*********

Gruppo: Members
Messaggi: 51882
Utente Nr.: 5657
Iscritto il: 24-Set-2010
Città: Offanengo (bioparco)



QUOTE (Mist @ Giovedì, 13-Giu-2019, 19:07)
QUOTE (Peter Parker @ Giovedì, 13-Giu-2019, 12:17)
Due petroliere presenti nel Golfo dell’Oman hanno lanciato richieste di soccorso per degli “attacchi” subiti questa mattina nei presso dello Stretto di Hormuz, fra le coste dell’Iran e del sultanato. Lo riferisce il sito di informazione online specializzato Tradewinds, spiegando che è in corso un incendio. L’episodio arriva a poche settimane di distanza da un fatto analogo, quando quattro navi, incluse due petroliere saudite, erano state sabotate in quello che Washington ha subito indicato come un attacco iraniano.

Le navi in questione sono la norvegese Front Altair, battente bandiera delle Isole Marshall, che aveva caricato petrolio nel porto di Fujairah negli Emirati, e la giapponese Kokuka Sangyo, battente bandiera di Panama, che aveva caricato metanolo in Arabia Saudita ed era diretta a Singapore. La compagnia norvegese Frontline ha confermato che la petroliera Altair è in fiamme nel Golfo dell’Oman, probabilmente colpita poco prima da un “siluro”. “Possiamo confermare che
c’è stato un attacco. C’è stata un’esplosione a bordo della nave di proprietà norvegese”, ha affermato Nesser Selin, portavoce della guardia costiera dell’Oman.

La marina iraniana ha fatto sapere di aver soccorso i membri dei due equipaggi, 44 persone in tutto. L’agenzia di stampa ufficiale Irna scrive che i marinai “sono stati salvati dall’unità di soccorso della provincia di Hormozgan e trasferiti nel porto di Bandar-e-Jas”.

Il ministro degli Esteri iraniano, Javad Zarif, ha definito “sospetti” gli attacchi alle petroliere e ha fatto appello al dialogo regionale per evitare tensioni. In un tweet, il capo della diplomazia iraniana ha voluto sottolineare che “i riferiti attacchi a cargo legati al Giappone sono avvenuti mentre il premier di Tokyo, Shinzo Abe, sta incontrando il leader supremo dell’Iran, l’ayatollah Ali Khamenei per colloqui approfonditi e amichevoli”. “Dire che è sospetto non è abbastanza per descrivere ciò che probabilmente è successo questa mattina”, ha conclsuo Zarif, “il Forum di dialogo regionale proposto dall’Iran è imperativo”.

L’effetto degli ”’incidenti” si è fatto subito sentire sui mercati, con le quotazioni in rialzo del 3% dopo l’esplosione delle due petroliere. Il greggio Wti è salito a 52,6 dollari al barile e il Brent a 61,8 dollari.

Adesso si parla, come nel caso precedente, di mine attaccate agli scafi delle navi. Gli americani dicono d'averne trovata una inesplosa: https://twitter.com/ELINTNews/status/113922...2630946816?s=20

https://www.repubblica.it/esteri/2019/06/14...0-C8-P2-S1.8-T1

Dopo le accuse del segretario di Stato Mike Pompeo, che ha attribuito al'Iran la responsabilità degli attacchi alle due petroliere nel golfo dell'Oman, venerdì mattina il Pentagono ha pubblicato un video in cui si vede quella che viene descritta come una imbarcazione dei Guardiani della Rivoluzione iraniani (Pasdaran) intenti a rimuovere una mina magnetica inesplosa dal fianco della petroliera giapponese, la Kokuka Courageous, danneggiata probabilmente da un'altra mina.


la repubblica prova a ricostruire un po la situazione e i contendenti

https://www.repubblica.it/esteri/2019/06/13...0-C8-P2-S1.8-T2

Iran - Arabia Saudita - Israele

mha.
non so cosa e a chi credere.
vediamo come si evolve sta storia... fatto sta che il petrolio è già schizzato in alto


--------------------
"Neutron ragioni come uno appena uscito da un centro sociale."
"Le parole dell'utente Neutron sono piene di odio represso."
"rilevo che l'utente neutron volutamente risponde provocando e offendendo."
"mi è sembrato giusto rilevare come i tuoi post trasudino offese e livore."
"E' un troll comunista."
"tu sei di animo fascista/stalinista"

user posted imageuser posted image
Spam explorer
1° post di pagina 112 - 2° post di pag. 117 - 2° post di pag.123 - penultimo post di pagina 131 di diurne
PMEmail Poster
Top
Utenti totali che stanno leggendo la discussione: 1 (1 Visitatori e 0 Utenti Anonimi)
Gli utenti registrati sono 0 :

Topic Options Pagine : (89) « Prima ... 87 88 [89]  Rispondi a questa discussioneInizia nuova discussioneNuovo Sondaggio

 



[ Script Execution time: 0.0497 ]   [ 21 queries used ]   [ GZIP Abilitato ]