Benvenuto Visitatore ( Connettiti | Registrati )

Cerca nel forum
Loading
Ricerca avanzata



Pagine : (2) [1] 2   ( Vai al primo messaggio non letto ) Rispondi a questa discussioneInizia nuova discussioneNuovo Sondaggio

> Noto cartoonist Disney copia Monster Allergy, Comicus.it
 
Redazione Comicus
Inviato il: Venerdì, 21-Lug-2017, 17:48
Quote Post


Minuteman
*****

Gruppo: Admin
Messaggi: 11586
Utente Nr.: 4397
Iscritto il: 14-Mar-2009
Città:





--------------------
PMEmail Poster
Top
 
Giulion
Inviato il: Venerdì, 21-Lug-2017, 19:19
Quote Post


Asterix
*

Gruppo: Members
Messaggi: 965
Utente Nr.: 3015
Iscritto il: 02-Giu-2007
Città:



QUOTE (Redazione Comicus @ Venerdì, 21-Lug-2017, 16:48)
Un noto cartoonist Disney copia Monster Allergy per un suo fumetto

Figura di cacca mostruosa, l'internette avrà di che parlare per tre giorni(gli avvocati un po' di più). tongue1.gif
PMEmail Poster
Top
Adv
Adv









Città:





Top
 
EnneEnne
Inviato il: Venerdì, 21-Lug-2017, 19:33
Quote Post


Uomo Mascherato
**

Gruppo: Members
Messaggi: 1441
Utente Nr.: 12393
Iscritto il: 10-Feb-2017
Città:



E va beh, è sempre Disney. E' tutto in famiglia tongue1.gif






Tra l'altro vorrei capire come mai quando 'ste cose le fa uno sceneggiatore si parla di postmodernismo e quando le fa un disegnatore si grida al plagio mmmwa.gif
PMEmail Poster
Top
 
sae
Inviato il: Venerdì, 21-Lug-2017, 22:57
Quote Post


Sidekick
*

Gruppo: Members
Messaggi: 355
Utente Nr.: 10621
Iscritto il: 16-Dic-2014
Città: vercelli



QUOTE (EnneEnne @ Venerdì, 21-Lug-2017, 18:33)
E va beh, è sempre Disney. E' tutto in famiglia tongue1.gif






Tra l'altro vorrei capire come mai quando 'ste cose le fa uno sceneggiatore si parla di postmodernismo e quando le fa un disegnatore si grida al plagio mmmwa.gif

Va be, qui ha copiato proprio tutto, non è una citazione di una vignetta o di una inquadratura...
PMEmail Poster
Top
 
Giulion
Inviato il: Sabato, 22-Lug-2017, 00:17
Quote Post


Asterix
*

Gruppo: Members
Messaggi: 965
Utente Nr.: 3015
Iscritto il: 02-Giu-2007
Città:



QUOTE (sae @ Venerdì, 21-Lug-2017, 21:57)
QUOTE (EnneEnne @ Venerdì, 21-Lug-2017, 18:33)
E va beh, è sempre Disney. E' tutto in famiglia  tongue1.gif






Tra l'altro vorrei capire come mai quando 'ste cose le fa uno sceneggiatore si parla di postmodernismo e quando le fa un disegnatore si grida al plagio  mmmwa.gif

Va be, qui ha copiato proprio tutto, non è una citazione di una vignetta o di una inquadratura...

È citazionismo estremo cool1.gif
PMEmail Poster
Top
 
Giulion
Inviato il: Sabato, 22-Lug-2017, 10:04
Quote Post


Asterix
*

Gruppo: Members
Messaggi: 965
Utente Nr.: 3015
Iscritto il: 02-Giu-2007
Città:



Comunque il buon vecchio Floyd alla fine e dopo molti tentativi si è scusato adducendo scuse puerili(era una prova, ho copiato perché ho sempre copiato da quelli bravi per imparare...).
Nel frattempo i suoi fans hanno dato la colpa agli italiani che son troppo permalosi(ma tu pensa sti magnaspaghetti che c'hanno pure FB) e che in realtà Norman è un mostro di rettitudine(a corollario l'intervento di una nostra "connazionale"che si scusa con l'autore per il comportamento dei suoi compatrioti, perché sui social c'è sempre qualcuno che alla fine si deve vergognare di essere italiano così alla cazzo).
In conclusione Artibani, dopo averlo blastato il giusto, lo ha perdonato mentre i suoi adepti lo incitavano a finirlo.
PMEmail Poster
Top
 
MinCulPop
Inviato il: Sabato, 22-Lug-2017, 10:31
Quote Post


Occhio di Agamotto
*****

Gruppo: Members
Messaggi: 13814
Utente Nr.: 4532
Iscritto il: 13-Mag-2009
Città: Offanengo centro



ve lo ricordate il racconto di Borges in c'era il tizio che aveva riscritto il don chisciotte?

ma proprio paro paro, ma non era uguale 21vs.gif


--------------------
PM
Top
 
MinCulPop
Inviato il: Sabato, 22-Lug-2017, 10:34
Quote Post


Occhio di Agamotto
*****

Gruppo: Members
Messaggi: 13814
Utente Nr.: 4532
Iscritto il: 13-Mag-2009
Città: Offanengo centro



ecco:

Il Don Chisciotte di Menard, pertanto, pur se verbalmente identico a quello di Cervantes, non è, né sarà mai una semplice copia dell’originale (“solo quelli con poco acume sarebbero disposti a vedere l’opera di Menard come una trascrizione”, scrisse Borges), bensì una produzione (o ricreazione) duplicante nella quale si intravede quel vertiginoso miraggio, di cui parlava Blanchot, delle infinite possibilità di uno specifico mondo reale.

hands80.gif


--------------------
PM
Top
 
Giulion
Inviato il: Sabato, 22-Lug-2017, 10:53
Quote Post


Asterix
*

Gruppo: Members
Messaggi: 965
Utente Nr.: 3015
Iscritto il: 02-Giu-2007
Città:



QUOTE (MinCulPop @ Sabato, 22-Lug-2017, 09:34)
ecco:

Il Don Chisciotte di Menard, pertanto, pur se verbalmente identico a quello di Cervantes, non è, né sarà mai una semplice copia dell’originale (“solo quelli con poco acume sarebbero disposti a vedere l’opera di Menard come una trascrizione”, scrisse Borges), bensì una produzione (o ricreazione) duplicante nella quale si intravede quel vertiginoso miraggio, di cui parlava Blanchot, delle infinite possibilità di uno specifico mondo reale.

hands80.gif

Interessante, domani vado a ricreare Maus e guai a chi mi rompe le palle.
PMEmail Poster
Top
 
pippone
Inviato il: Sabato, 22-Lug-2017, 11:08
Quote Post


Bannato onorario
*******

Gruppo: Members
Messaggi: 17303
Utente Nr.: 9854
Iscritto il: 18-Apr-2014
Città: Offanengo



QUOTE (MinCulPop @ Sabato, 22-Lug-2017, 09:34)
ecco:

Il Don Chisciotte di Menard, pertanto, pur se verbalmente identico a quello di Cervantes, non è, né sarà mai una semplice copia dell’originale (“solo quelli con poco acume sarebbero disposti a vedere l’opera di Menard come una trascrizione”, scrisse Borges), bensì una produzione (o ricreazione) duplicante nella quale si intravede quel vertiginoso miraggio, di cui parlava Blanchot, delle infinite possibilità di uno specifico mondo reale.

hands80.gif

Ma questo era un puro esempio di metafisica Borgesiana che ho sempre inteso come un racconto sul l'ostinazione e sulle "manie" e/o ossessioni degli artisti. E sulla loro ambivalenza. L'ossessione come grimaldello che possa aprire infinite porte in una potenziale biblioteca infinita (tipicamebte borgesiana) e che possa pure portarti per caso a scrivere ex novo un'opera giá scritta da altri.
In alternativa l'opposto: l'ossessione come metafora di cecità.
D'altra parte, non ricordo se lì o in altra sede, Borges prende il Chisciotte come modello esemplare di scrittura immortale. Dice che può passare "il fuoco della traduzione" e restare immortale in castigliano come in tedesco, oggi, fra cent'anni o un secolo fa. In breve: la forza sta nell'idea che sostiene il racconto. Non nel linguaggio cesellato. Ogni versione sarà quindi fedele all'originale perché la potenza dell'opera "Chisciotte" sta nel carattere del protagonista. È così dunno.gif . Infatti si dice "Donchisciottesco". È talmente rappresentativo di una tipologia di carattere da diventare l'aggettivo che lo definisce.

Una situazione analoga è presente anche ne "il versificatore" di Primo Levi. Uno dei suoi splendidi racconti di fantascienza 21vs.gif


Poi...
"Le note sono 7"
...non è forse il classico alibi per un musicista accusato di plagio?
E allora le lettere sono 21.
7x3= 21
Chi fa da sé fa per tre dunno.gif

Certo che con la matita le cose si complicano mmmwa.gif
I segni sono infiniti e non ce n'è uno uguale all'altro mmmwa.gif

Basti vedere "las meninas" di Don Diego Velazquez e quello di Don Pablo Picasso.


--------------------
Instagram: tensionieslanci
PMEmail Poster
Top
 
MinCulPop
Inviato il: Sabato, 22-Lug-2017, 12:17
Quote Post


Occhio di Agamotto
*****

Gruppo: Members
Messaggi: 13814
Utente Nr.: 4532
Iscritto il: 13-Mag-2009
Città: Offanengo centro



per me quello che intende Borges riguarda il contesto dell'opera.
qualsiasi opera, non considerata solo in sè, ma ma considerata con tutto il contesto della sua creazione. il don c. scritto nel 1400 è per forza di cose diverso da quello "ipoteticamente" scritto nel 1900. per senso, messaggio, genere ecc.

ovviamente la sua era una provocazione estrema, ma forse molto attuale nel nostro contesto postmoderno dove fondamentalmente tutto ha su l'etichetta "riciclato"


--------------------
PM
Top
 
Giulion
Inviato il: Sabato, 22-Lug-2017, 12:35
Quote Post


Asterix
*

Gruppo: Members
Messaggi: 965
Utente Nr.: 3015
Iscritto il: 02-Giu-2007
Città:



QUOTE (MinCulPop @ Sabato, 22-Lug-2017, 11:17)
per me quello che intende Borges riguarda il contesto dell'opera.
qualsiasi opera, non considerata solo in sè, ma ma considerata con tutto il contesto della sua creazione. il don c. scritto nel 1400 è per forza di cose diverso da quello "ipoteticamente" scritto nel 1900. per senso, messaggio, genere ecc.

ovviamente la sua era una provocazione estrema, ma forse molto attuale nel nostro contesto postmoderno dove fondamentalmente tutto ha su l'etichetta "riciclato"

Peccato che Floyd Norman non abbia citato Borges nelle sue scuse, sai il casino che scoppiava. laugh2.gif
PMEmail Poster
Top
 
pippone
Inviato il: Sabato, 22-Lug-2017, 12:39
Quote Post


Bannato onorario
*******

Gruppo: Members
Messaggi: 17303
Utente Nr.: 9854
Iscritto il: 18-Apr-2014
Città: Offanengo



QUOTE (MinCulPop @ Sabato, 22-Lug-2017, 11:17)
per me quello che intende Borges riguarda il contesto dell'opera.
qualsiasi opera, non considerata solo in sè, ma ma considerata con tutto il contesto della sua creazione. il don c. scritto nel 1400 è per forza di cose diverso da quello "ipoteticamente" scritto nel 1900. per senso, messaggio, genere ecc.

ovviamente la sua era una provocazione estrema, ma forse molto attuale nel nostro contesto postmoderno dove fondamentalmente tutto ha su l'etichetta "riciclato"

Certo. Pure questo è vero.
Specialmente le tue ultime 3 righe 21vs.gif illuminanti.

Questo racconto si specchia nel paradosso della moneta con una sola faccia (nel 21vs.gif "Libro de arena"). Che se cade dalla parte sbagliata si perde, si annulla, sparisce (o si estende all'infinito?).
Ma siamo OT di bestia 21vs.gif laugh2.gif
Mi fermo


--------------------
Instagram: tensionieslanci
PMEmail Poster
Top
 
Cap.Crumb
Inviato il: Sabato, 22-Lug-2017, 18:14
Quote Post


MR. NATURAL
********

Gruppo: Members
Messaggi: 26939
Utente Nr.: 450
Iscritto il: 13-Lug-2004
Città: --Teramo--



QUOTE (pippone @ Sabato, 22-Lug-2017, 11:08)
QUOTE (MinCulPop @ Sabato, 22-Lug-2017, 09:34)
ecco:

Il Don Chisciotte di Menard, pertanto, pur se verbalmente identico a quello di Cervantes, non è, né sarà mai una semplice copia dell’originale (“solo quelli con poco acume sarebbero disposti a vedere l’opera di Menard come una trascrizione”, scrisse Borges), bensì una produzione (o ricreazione) duplicante nella quale si intravede quel vertiginoso miraggio, di cui parlava Blanchot, delle infinite possibilità di uno specifico mondo reale.

hands80.gif

Ma questo era un puro esempio di metafisica Borgesiana che ho sempre inteso come un racconto sul l'ostinazione e sulle "manie" e/o ossessioni degli artisti. E sulla loro ambivalenza. L'ossessione come grimaldello che possa aprire infinite porte in una potenziale biblioteca infinita (tipicamebte borgesiana) e che possa pure portarti per caso a scrivere ex novo un'opera giá scritta da altri.
In alternativa l'opposto: l'ossessione come metafora di cecità.
D'altra parte, non ricordo se lì o in altra sede, Borges prende il Chisciotte come modello esemplare di scrittura immortale. Dice che può passare "il fuoco della traduzione" e restare immortale in castigliano come in tedesco, oggi, fra cent'anni o un secolo fa. In breve: la forza sta nell'idea che sostiene il racconto. Non nel linguaggio cesellato. Ogni versione sarà quindi fedele all'originale perché la potenza dell'opera "Chisciotte" sta nel carattere del protagonista. È così dunno.gif . Infatti si dice "Donchisciottesco". È talmente rappresentativo di una tipologia di carattere da diventare l'aggettivo che lo definisce.

Una situazione analoga è presente anche ne "il versificatore" di Primo Levi. Uno dei suoi splendidi racconti di fantascienza 21vs.gif


Poi...
"Le note sono 7"
...non è forse il classico alibi per un musicista accusato di plagio?
E allora le lettere sono 21.
7x3= 21
Chi fa da sé fa per tre dunno.gif

Certo che con la matita le cose si complicano mmmwa.gif
I segni sono infiniti e non ce n'è uno uguale all'altro mmmwa.gif

Basti vedere "las meninas" di Don Diego Velazquez e quello di Don Pablo Picasso.

post degno del tuo nick laugh2.gif

no cmq dai...genio almeno quanto Land il porno-ricalcatore rotflbuona.gif


--------------------
stupido è, chi lo stupido fa ©.
user posted image
___GialluCAP SCAMBIA & VENDE___ ANCHE SU _E-BAY_
QUOTE
mentre un franchising spera che lo spettatore torni, un universo cerca di fare in modo che non se ne possa mai andare
PM
Top
 
Fedemone
Inviato il: Sabato, 22-Lug-2017, 22:39
Quote Post


Spirito con la Scure
**

Gruppo: Members
Messaggi: 1759
Utente Nr.: 4485
Iscritto il: 20-Apr-2009
Città: Milano



Beh a mia memoria vol racconto di Borges faceva notare che il Menard fosse riuscito a ricreare solo poche pagine e che lo sforzo di immedesimazione sarebbe stato ancora lungo. Ma proprio ciò che spinge l'autore moderno a scrivere in tal modo sarà sempre diverso da ciò che spinse Cervantes, per cui i due libri, pur verbalmente identici, sono da considerare diversi.
Invece a me ha ricordato la vicenda di Alack Sinner, con il fumettista americano che si sentiva superiore all'autore Argentino, quindi del terzo mondo.
Oppure la vicenda di certe vignette di Nathan Never che erano prese da Ghost in the Shell... Ah no scusate, si dice "citate"
PMEmail Poster
Top
Utenti totali che stanno leggendo la discussione: 1 (1 Visitatori e 0 Utenti Anonimi)
Gli utenti registrati sono 0 :

Topic Options Pagine : (2) [1] 2  Rispondi a questa discussioneInizia nuova discussioneNuovo Sondaggio

 



[ Script Execution time: 0.0325 ]   [ 21 queries used ]   [ GZIP Abilitato ]