Benvenuto Visitatore ( Connettiti | Registrati )

Cerca nel forum
Loading
Ricerca avanzata



Pagine : (6) « Prima ... 4 5 [6]   ( Vai al primo messaggio non letto ) Rispondi a questa discussioneInizia nuova discussioneNuovo Sondaggio

> Trump ha fornito informazioni top secret ai russi, Scoop del Washington Post
 
Neutron
Inviato il: Giovedì, 18-Mag-2017, 17:32
Quote Post


Gemma dell'Infinito
********

Gruppo: Members
Messaggi: 36685
Utente Nr.: 5657
Iscritto il: 24-Set-2010
Città: Carpi



QUOTE (L'Ammiraglio @ Giovedì, 18-Mag-2017, 16:21)
E' sia scemo che corrotto, mica sono mutualmente esclusive.

no.

ma tagliar corto il caso delle notizie rivelate (titolo del topic) dando per scontato che non si renda conto di ciò che ha fatto e delle conseguenze è fuorviante, semplicistico, limitante... ed è quello che vado dicendo da due giorni.

(ed era il fil rouge che legava quasi tutte le motivazioni del link postato da kelith e parker, dai cui è scaturito tutto il dibattito)

e poi, sinceramente, io sarei pure contento se facesse tutto ciò che fa per stupidità.
sono molto più preoccupato dall'ipotesi che sia in combutta con Putin (e io credo questo, come ho ampiamente argomentato)


--------------------
[ma luna lo sai bene,non sempre sei capita / così quando sei nata ti sei armata /con un martello da battaglia ed una grande voglia / di far capire al mondo che non sei sotto controllo!]

"Neutron ragioni come uno appena uscito da un centro sociale."

VERO CREDENTE - i believe in marvel studios

Spam explorer :
1° post di pagina 112 - 2° post di pag. 117 - 2° post di pag.123 - penultimo post di pagina 131 di diurne

user posted imageuser posted imageuser posted image
PMEmail Poster
Top
 
Peter Parker
Inviato il: Venerdì, 19-Mag-2017, 22:17
Quote Post


Imperatrice
*********

Gruppo: Members
Messaggi: 112343
Utente Nr.: 34
Iscritto il: 30-Giu-2004
Città: Fuffaverso



NEW YORK - Gli investigatori che indagano sui presunti rapporti tra l'amministrazione Trump e le autorità russe avrebbero individuato un alto funzionario della Casa Bianca molto vicino al presidente come elemento chiave per fare luce sulla vicenda. Lo rivela il Washington Post online, citando non meglio precisate fonti "molto vicine alla vicenda". Pur non volendo fare il nome del personaggio finito sotto la lente degli inquirenti, le fonti spiegano al WP che l'inchiesta è entrata in un fase più attiva e "scoperta", passando da accertamenti riservati a interrogatori e citazioni di testimoni. Finora le indagini sulle presunte ingerenze russe sulle presidenziali del 2016 ed i contatti tra membri dello staff di Trump e funzionari di Mosca, avevano riguardato ex membri della squadra della campagna elettorale ma nessuno che lo avesse seguito alla Casa Bianca.

Le stesse fonti sottolineano inoltre che gli investigatori restano concentrati soprattutto sulle persone che in passato hanno esercitato influenza sulla campagna elettorale di Trump e sulla sua amministrazione ma che attualmente non ne fanno più parte, compresi l'ex consigliere per la sicurezza nazionale Michael Flynn e il presidente del comitato elettorale Paul Manafort.

Sempre sul caso Russiagate, il New York Times riporta oggi alcune parole pronunciate da Trump il 10 maggio incontrando nello Studio Ovale il ministro degli esteri russo, Sergei Lavrov, e l'ambasciatore russo negli Stati Uniti. Il licenziamento di James Comey dalla guida dell'Fbi alleggerisce la "forte pressione" su di me, avrebbe spiegato il presidente americano ai suoi ospiti. "Mi trovavo sotto una forte pressione a causa della Russia" avrebbe ammesso Trump, definendo Comey un "pazzo, fuori di testa".

Alle rivelazioni del NYT ha replicato prontemente il portavoce della Casa Bianca, Sean Spicer, affermando che "mettendo in mostra e politicizzando l'indagine sulle azioni della Russia, James Comey aveva creato una pressione non necessaria sulla nostra capacità di impegnarci e negoziare con la Russia". "L'indagine sarebbe comunque andata avanti", ha detto Spicer, quindi senza negare l'indiscrezione del quotidiano. "Ancora una volta la vera storia - ha osservato il portavoce della Casa Bianca - è il fatto che la sicurezza nazionale sia stata minata dalla diffusione di notizie su conversazioni private e altamente classificate".
PM
Top
 
Peter Parker
Inviato il: Martedì, 23-Mag-2017, 18:24
Quote Post


Imperatrice
*********

Gruppo: Members
Messaggi: 112343
Utente Nr.: 34
Iscritto il: 30-Giu-2004
Città: Fuffaverso



Nuovo scoop del Washington Post:

Mentre il presidente americano Donald Trump è impegnato nel suo primo viaggio internazionale, il Washington Post esce con un altro scoop rovinoso. Trump avrebbe chiesto a due alti dirigenti dell’Intelligence Community americana di negare qualsiasi possibilità sui contatti tra il suo team elettorale e funzionari russi, ossia di erodere dall’interno l’inchiesta Russiagate.

Il WaPo ha raccolto la testimonianza anonima, ma evidentemente affidabile, di due attuali funzionari dei servizi segreti americani: è evidente che il giornale – e in generale, i giornali – abbia ormai scoperto la falla giusta da cui tirare fuori informazioni scottanti sulle azioni di Trump intorno all’inchiesta; è altrettanto evidente che, senza scomodare ricostruzioni fantascientifiche che tirano in ballo il cosiddetto deep state e amenità pseudo-complottiste, la Comunità di intelligence americana abbia avviato una guerra sotto traccia contro l’amministrazione e stia giocando le proprie carte attraverso spifferate micidiali ai media.

Secondo quest’ultimo scoop Trump avrebbe chiesto, separatamente, la collaborazione di Dan Coats, il Director della National Intelligence (il coordinatore di tutte le 17 agenzie di servizi americane) e quella dell’ammiraglio Michael Rogers, capo della National Security Agency (più nota come NSA). Entrambi avrebbero glissato sulla richiesta del presidente, che cercava una sponda per degradare l’indagine che il controspionaggio dell’Fbi sta conducendo. È evidente che messa così la situazione ha un’evocazione nixoniana: Trump trama per mettersi d’intralcio a un’indagine federale? Tanto bastò per far dimettere Richard Nixon. Le richieste sarebbero infatti arrivate entrambe dopo che l’ex direttore del Bureau, James Comey, aveva pubblicamente ammesso in un’audizione congressuale che il Russiagate era oggetto di un’inchiesta federale.

L’avance presidenziale verso Coats e Rogers è del tutto analoga a quella fatta proprio a Comey durante una conversazione nello Studio Ovale, quando Trump chiese al capo dell’Fbi di smetterla di indagare su Michael Flynn, ex Consigliere per la Sicurezza nazionale finito sotto indagine federale per sospette attività pro-Turchia connesse a un sostanzioso pagamento come lobbista ‘non-dichiarato’ e altri pagamenti sospetti ricevuti dalla Russia. L’inchiesta personale su Flynn si sovrappone a quella sul Russiagate, basta pensare che l’ex generale si è dimesso da APNSA perché aveva mentito ai Federali e al vice presidente sui suoi contatti con l’ambasciatore russo (lunedì Flynn ha fatto sapere di appellarsi al Quinto emendamento per rifiutare un mandato di comparizione emesso dalla Commissione Intelligence del Senato che sta separatamente indagando sul Russiagate). La volontà di insistere sull’inchiesta Russiagate è ormai palese che è costata il posto a Comey, e questo è una vicenda da tenere a mente più avanti, quando si parlerà dei perché di tutte queste informazioni passate alla stampa.
PM
Top
 
Peter Parker
Inviato il: Venerdì, 26-Mag-2017, 14:48
Quote Post


Imperatrice
*********

Gruppo: Members
Messaggi: 112343
Utente Nr.: 34
Iscritto il: 30-Giu-2004
Città: Fuffaverso



NEW YORK - Jared Kushner è indagato. Quella che la scorsa settimana era solo un’ipotesi fatta circolare alla vigilia del primo viaggio internazionale di Donald Trump, adesso è realtà. Il marito di Ivanka, il genero che è diventato il più potente tra i consiglieri del presidente, è finito nell’inchiesta sulle interferenze di Putin e del Cremlino durante la campagna elettorale 2016 come ‘persona di interesse’. Gli investigatori del Bureau ritengono che abbia “informazioni rilevanti” ai fini dell’indagine. E fonti della Casa Bianca fanno sapere che Kushner insieme alla moglie è rientrato negli Stati Uniti non partecipando al vertice del G7 dopo aver avuto un ruolo di grande rilievo nella visita del presidente in Arabia Saudita ed Israele. Sulla presenza di Kushner nella delegazione Usa in Sicilia c'era grande incertezza fin dai giorni scorsi.

Lo scoop (di Washington Post e NbcNews) arriva nel tardo pomeriggio di Washington e raggiunge The Donald, il genero e la figlia in Europa quando è già passata la mezzanotte. Le diverse fonti del quotidiano e della rete tv sono d’accordo su un punto, Kushner al momento non è incriminato e la sua posizione nel Russiagate non è grave come quelle di Paul Manafort (l’ex direttore della campagna elettorale di Trump) e del generale Michael Flynn (il consigliere per la sicurezza nazionale costretto a dimettersi) i due ‘pesci grossi’ dell’indagine che rischiano pesanti incriminazioni (comprese quelle per reati finanziari).

Per Trump e per l’intera Casa Bianca è un brutto colpo. Gli agenti federali stanno seguendo la pista dei vari incontri che Kushner ha avuto con funzionari russi di primo piano e con uomini che fanno parte della cerchia ristretta degli amici di Putin. In particolare gli incontri che si sono svolti a dicembre (con Trump già eletto, ma non ancora insediato) con l’ambasciatore russo negli Usa Sergey Kislyak e con un banchiere di Mosca. Uno degli avvocati del marito di Ivanka, Jamie Gorelick, ha dichiarato al Washington Post che il suo cliente “si era già offerto volontariamente di rivelare al Congresso tutto quello che sa su questi incontri” e che quindi avrà lo stesso atteggiamento “se contattato in relazione a qualsiasi altra inchiesta”.

La scorsa settimana, proprio mentre il presidente Trump era in partenza per il suo primo viaggio all'estero, proprio il Washington Post aveva rivelato che una persona a lui vicina e che lavora alla Casa Bianca era oggetto di interesse del Fbi nell’ambito dell’inchiesta Russiagate. Non era stata resa nota l’identità ma il nome di Jared Kushner era circolato su diversi organi di stampa internazionali.

“Non posso confermare o negare l’esistenza o la non esistenza di indagini o soggetti di indagini”. Sarah Isgur Flores, portavoce del ministero di Giustizia, ha usato la classica formula che di fatto conferma quanto rivelato da Washington Post e da NbcNews ed anche il ‘no comment’ del Fbi è piuttosto indicativo. Le indagini stanno procedendo a ritmo serrato ed il ‘procuratore speciale’ (ed ex direttore del Fbi con Bush e Obama) Robert Mueller III ha garantito al Congresso che andrà fino in fondo.

Il presidente della commissione vigilanza della Camera, il repubblicano Jason Chaffetz, ha intanto chiesto all'Fbi di produrre documenti circa i contatti dell'ex direttore del Bureau James Comey con la Casa Bianca e con il dipartimento di Giustizia, compreso materiale che va indietro nel tempo fino al 2013 e quindi all'amministrazione Obama. La richiesta in una lettera inviata al direttore dell'Fbi ad interim Andrew McCabe.
PM
Top
 
Peter Parker
Inviato il: Venerdì, 26-Mag-2017, 22:55
Quote Post


Imperatrice
*********

Gruppo: Members
Messaggi: 112343
Utente Nr.: 34
Iscritto il: 30-Giu-2004
Città: Fuffaverso



(ANSA) - WASHINGTON, 26 MAG - L'allora direttore dell'Fbi James Comey sapeva che alcune informazioni relative all'inchiesta sulle email di Hillary Clinton erano false, create dall'intelligence russa, ma temeva che se fossero diventate di pubblico dominio avrebbero sminuito la stessa inchiesta, e ciò indusse Comey ad agire unilateralmente la scorsa estate nel dichiarare l'inchiesta conclusa. Lo riferisce la Cnn citando diverse fonti informate.
Il Washington Post aveva riferito nei giorni scorsi che tali informazioni, provenienti dall'intelligence russa, erano inaffidabili. La Cnn cita adesso fonti ufficiali Usa secondo cui Comey e l'Fbi erano consapevoli che le informazioni erano false.
PM
Top
 
L'Ammiraglio
Inviato il: Sabato, 27-Mag-2017, 00:32
Quote Post


Fiero Alleaten Galeazzo Musolesi
******

Gruppo: Members
Messaggi: 16678
Utente Nr.: 48
Iscritto il: 01-Lug-2004
Città: Industriale



Però guai a parlarne in pubblico ai tempi, mentre invece la riapertura cretina dell'indagine su Hillary Clinton poche settimane prime delle elezioni invece si. Comey per me ne esce comunque malissimo, ha fatto un pasticcio di scelte discutibili che potrebbe esserle costato l'elezione.


--------------------
user posted image
PMEmail Poster
Top
 
Peter Parker
Inviato il: Sabato, 27-Mag-2017, 10:49
Quote Post


Imperatrice
*********

Gruppo: Members
Messaggi: 112343
Utente Nr.: 34
Iscritto il: 30-Giu-2004
Città: Fuffaverso



La posizione di Kushner si complica. Nuovo scoop del WP:

NEW YORK - Un canale segreto per comunicare con il Cremlino. Jared Kushner e la moglie Ivanka Trump erano atterrati da poche ore negli Stati Uniti quando il Washington Post ha piazzato il suo ennesimo scoop serale: rivelando che il genero (e super-consigliere) del presidente ha chiesto all’ambasciatore russo a Washington di avere un canale di comunicazione diretto con Mosca, segreto e lontano da orecchie indiscrete.

La richiesta risale a un incontro tra Kushner che è finito nell'inchiesta dell'Fbi sul Russiagate e il diplomatico di Putin avvenuto il 1 o il 2 dicembre scorso alla Trump Tower di New York (in quei giorni era la Casa Bianca alternativa del ‘transition team di The Donald) quando l’attuale presidente era già stato eletto, ma non si era ancora insediato ufficialmente nello Studio Ovale. Il marito di Ivanka avrebbe suggerito all’ambasciatore Sergei Kislyak di usare le strutture diplomatiche russe per le comunicazioni ‘segrete’ in modo in modo che fossero ‘schermate’ e non potessero essere intercettate dai servizi di Intelligence degli Stati Uniti.

Non aveva fatto i conti con le ultime tecniche di spionaggio del Fbi e con l’abilità dell’Intelligence a ‘tracciare’ i colloqui tra i funzionari russi negli Usa e il Cremlino, perché gli agenti federali riuscirono a registrare un colloquio dell’ambasciatore russo con Mosca in cui riferiva ai vertici del Cremlino la richiesta fatta da Kushner. Lo scorso marzo la Casa Bianca era stata costretta ad ammettere che anche il genero-consigliere del presidente aveva avuto un colloquio riservato con il diplomatico di Putin, incontro cui era stato presente anche il generale Michael Flynn, il Consigliere per la Sicurezza Nazionale travolto dal Russiagate e costretto alle dimissioni. L'Fbi ha precisato che né quell’incontro di dicembre, né altri in cui fossero presenti cittadini americani è stato sottoposto a ‘sorveglianza’.

Sempre dal Washinton Post arriva anche la notizia che la Commissione Intelligence del Senato Usa ha deciso di acquisire tutte le carte della campagna elettorale di Trump a partire dal 2015.

PM
Top
 
Neutron
Inviato il: Sabato, 27-Mag-2017, 11:03
Quote Post


Gemma dell'Infinito
********

Gruppo: Members
Messaggi: 36685
Utente Nr.: 5657
Iscritto il: 24-Set-2010
Città: Carpi



Ancora convinti che le mosse di Trump siano assoluto no sense, frutto di inesperienza e stupidità?

rolleyes.gif


Io comunque non mi capacito di come gli americani abbiano potuto dare le chiavi della baracca a un uomo così pesantemente invischiato con una nazione storicamente nemica.
Passi il razzismo, sessismo, classismo e chi più ne ha... Non è la prima volta.
Ma un burattino dei russi proprio no.
Ed era una situazione dubbia e fosca fin dalla sua candidatura.

E anzi, col senno di poi, mi viene pure il dubbio che tutte le varie gaffe e sparate di Trump fossero una precisa operazione di distrazione di massa su questi fatti.



--------------------
[ma luna lo sai bene,non sempre sei capita / così quando sei nata ti sei armata /con un martello da battaglia ed una grande voglia / di far capire al mondo che non sei sotto controllo!]

"Neutron ragioni come uno appena uscito da un centro sociale."

VERO CREDENTE - i believe in marvel studios

Spam explorer :
1° post di pagina 112 - 2° post di pag. 117 - 2° post di pag.123 - penultimo post di pagina 131 di diurne

user posted imageuser posted imageuser posted image
PMEmail Poster
Top
 
L'Ammiraglio
Inviato il: Sabato, 27-Mag-2017, 12:41
Quote Post


Fiero Alleaten Galeazzo Musolesi
******

Gruppo: Members
Messaggi: 16678
Utente Nr.: 48
Iscritto il: 01-Lug-2004
Città: Industriale



QUOTE (Neutron @ Sabato, 27-Mag-2017, 11:03)
E anzi, col senno di poi, mi viene pure il dubbio che tutte le varie gaffe e sparate di Trump fossero una precisa operazione di distrazione di massa su questi fatti.

laugh2.gif


--------------------
user posted image
PMEmail Poster
Top
 
Neutron
Inviato il: Sabato, 27-Mag-2017, 13:52
Quote Post


Gemma dell'Infinito
********

Gruppo: Members
Messaggi: 36685
Utente Nr.: 5657
Iscritto il: 24-Set-2010
Città: Carpi



QUOTE (L'Ammiraglio @ Sabato, 27-Mag-2017, 11:41)
QUOTE (Neutron @ Sabato, 27-Mag-2017, 11:03)
E anzi, col senno di poi, mi viene pure il dubbio che tutte le varie gaffe e sparate di Trump fossero una precisa operazione di distrazione di massa su questi fatti.

laugh2.gif

Perché, dici di no?


Ora tutta la stampa USA si è svegliata, ma durante la campagna elettorale gli attacchi erano quasi sempre su altro.
Altro che in fin dei conti, è stata poi la sua marcia in più.


(ovvio che, as usual non parlo di Trump soggetto singolo, parlo dei suo staff e di tutti quelli che ci stanno dietro)

E non fare la faccina che ride che mi fai incazzare
dry.gif


--------------------
[ma luna lo sai bene,non sempre sei capita / così quando sei nata ti sei armata /con un martello da battaglia ed una grande voglia / di far capire al mondo che non sei sotto controllo!]

"Neutron ragioni come uno appena uscito da un centro sociale."

VERO CREDENTE - i believe in marvel studios

Spam explorer :
1° post di pagina 112 - 2° post di pag. 117 - 2° post di pag.123 - penultimo post di pagina 131 di diurne

user posted imageuser posted imageuser posted image
PMEmail Poster
Top
Utenti totali che stanno leggendo la discussione: 1 (1 Visitatori e 0 Utenti Anonimi)
Gli utenti registrati sono 0 :

Topic Options Pagine : (6) « Prima ... 4 5 [6]  Rispondi a questa discussioneInizia nuova discussioneNuovo Sondaggio

 



[ Script Execution time: 0.0294 ]   [ 21 queries used ]   [ GZIP Abilitato ]