Benvenuto Visitatore ( Connettiti | Registrati )

Cerca nel forum
Loading
Ricerca avanzata



Pagine : (23) « Prima ... 17 18 [19] 20 21 ... Ultima »  ( Vai al primo messaggio non letto ) Rispondi a questa discussioneInizia nuova discussioneNuovo Sondaggio

> Il Russiagate/Ucrainagate
 
Mist
Inviato il: Mercoledì, 31-Lug-2019, 18:00
Quote Post


Lanterna Verde
***

Gruppo: Members
Messaggi: 5696
Utente Nr.: 5800
Iscritto il: 28-Ott-2010
Città:



Giudice federale rigetta la causa intentata dal Comitato Nazionale Democratico contro Trump, membri della sua campagna del 2016, il sito Wikileaks, e lo stato russo per il furto di amteriale informatico dai servers del Comitato.

Secondo il giudice sono state presentate prove di contatti fra i collaboratori di Trump e i russi ma nessuna prova che i collaboratori abbiano aiutato nel furto dei dati, non è illegale per Wikileaks pubblicare il materiale rubato al Comitato a meno di non aver collaborato al furto,....
https://thehill.com/regulation/court-battle...ign-russia-over


https://hotair.com/archives/ed-morrissey/20...divorced-facts/
PM
Top
 
Mist
Inviato il: Sabato, 03-Ago-2019, 20:58
Quote Post


Lanterna Verde
***

Gruppo: Members
Messaggi: 5696
Utente Nr.: 5800
Iscritto il: 28-Ott-2010
Città:



Secondl la CNN metà dei Democratici alla Camera sarebbero favorevoli all'apertura di una procedura d'impeachment per Trump, tale procedura si concentrerebbe più sulle accuse di ostruzione alla giustizia che sulle accuse di contatti con i russi. Vedremo se Pelosi lascerà cadere le sue obiezioni.
PM
Top
 
Mist
Inviato il: Sabato, 24-Ago-2019, 19:13
Quote Post


Lanterna Verde
***

Gruppo: Members
Messaggi: 5696
Utente Nr.: 5800
Iscritto il: 28-Ott-2010
Città:



Giornalista della rivista thehill pubblica una lista di 10 documenti che, secondo lui, proverebbero che il Russiagate era una campagna di disinformazione orchestrata, per screditare Trump, dai servizi segreti USA con l'aiuto di quelli inglesi e italiani: https://thehill.com/opinion/campaign/458173...washington-this

Da notare che quei documenti sono tutti sotto segreto anche se a breve potrebbero essere resi pubblici.
PM
Top
 
Mist
Inviato il: Domenica, 08-Set-2019, 20:42
Quote Post


Lanterna Verde
***

Gruppo: Members
Messaggi: 5696
Utente Nr.: 5800
Iscritto il: 28-Ott-2010
Città:



I membri del partito Democratico della Camera del Congresso hanno cominciato le procedure per preparare una commissione d'inchiesta per l'inpeachment di Trump. Mercoledì la Camera dovrebbe votare per definire i limiti dell'inchiesta.
https://www.politico.com/story/2019/09/06/h...001&nlid=630318

Messaggio modificato da Mist il Domenica, 08-Set-2019, 20:49
PM
Top
 
Mist
Inviato il: Lunedì, 09-Set-2019, 21:34
Quote Post


Lanterna Verde
***

Gruppo: Members
Messaggi: 5696
Utente Nr.: 5800
Iscritto il: 28-Ott-2010
Città:



QUOTE (Mist @ Domenica, 08-Set-2019, 19:42)
I membri del partito Democratico della Camera del Congresso hanno cominciato le procedure per preparare una commissione d'inchiesta per l'inpeachment di Trump. Mercoledì la Camera dovrebbe votare per definire i limiti dell'inchiesta.
https://www.politico.com/story/2019/09/06/h...001&nlid=630318

Voto rimandato a giovedì.
PM
Top
 
Mist
Inviato il: Venerdì, 13-Set-2019, 20:13
Quote Post


Lanterna Verde
***

Gruppo: Members
Messaggi: 5696
Utente Nr.: 5800
Iscritto il: 28-Ott-2010
Città:



Allora il comitato giudiziario della Camera ha dato le linee guida per l'inchiesta su Trump ma la situazione è molto confusa, alcuni membri del partito Democratico negano che la cosa ammonti a un'inizio formale dell'impeachment parlano di una semplice inchiesta, altri lo affermano, Nancy Pelosi ha detto che d'ora in poi non risponderà più a domande sull'argomento.
https://www.youtube.com/watch?v=-G3xiVjCR3k
https://www.youtube.com/watch?v=4tZoaClcHk0
PM
Top
 
Mist
Inviato il: Domenica, 15-Set-2019, 22:07
Quote Post


Lanterna Verde
***

Gruppo: Members
Messaggi: 5696
Utente Nr.: 5800
Iscritto il: 28-Ott-2010
Città:



Questo mercoledì la Camera comincia gl'interrogatori dei testimoni. Comunque Trump è messo sotto inpeachment per ostruzione alla giustizia, abuso di fondi elettorali, pagamenti alla Stormy Daniel e altre persone. Le accuse di collusione con i russi sono state, almeno per ora, accantonate.
PM
Top
 
Peter Parker
Inviato il: Sabato, 28-Set-2019, 09:40
Quote Post


Imperatrice spifferona
*********

Gruppo: Members
Messaggi: 126957
Utente Nr.: 34
Iscritto il: 30-Giu-2004
Città: Fuffaverso



Cade la prima testa nell'Ucrainagate. Kurt Volker, l'inviato speciale Usa in Ucraina, si è dimesso un giorno dopo la diffusione della denuncia di uno 007-talpa sulla telefonata in cui il presidente americano Donald Trump - nei cui confronti è stato chiesto l'impeachment - chiese a quello ucraino Volodymyr Zelenskyj di indagare padre e figlio Biden (Joe e Hunter). E, poi, sul tentativo di insabbiarla.

Il Dipartimento di Stato Usa ieri aveva confermato che Volker mise in contatto Rudy Giuliani, l'avvocato personale di Trump anch'egli al centro dell'Ucrainagate, con un alto collaboratore del leader ucraino Zelensky "su richiesta del consigliere presidenziale Andriy Yermak". Ma precisando che il legale "non parlava per conto del governo Usa".

In un'intervista alla Cnn, Giuliani aveva fornito la sua versione spiegando che il 19 luglio scorso Volker lo contattò a proposito del fatto che avrebbe dovuto mettersi in contatto con uno dei principali consiglieri di Zelensky, Yermak: secondo il racconto dell'avvocato di Trump alla Cnn, dopo almeno due telefonate fra Giuliani e Yermak, i due si incontrarono a Madrid il 1° agosto e Giuliani condivise tutti i dettagli di quelle conversazioni con il dipartimento di Stato, e in particolare con Volker.

Giuliani aveva spiegato poi che Volker lo informò che la telefonata del 25 luglio fra Zelensky e Trump, ora al centro dell'indagine formale di impeachment, era andata bene. In una dichiarazione dello scorso 23 agosto, il dipartimento di Stato Usa ha riconosciuto che Volker mise il consigliere di Zelensky, Andriy Yermak, in diretto contatto con Giuliani, ma aveva ribadito che "Giuliani è un cittadino privato e agisce come avvocato del presidente Trump" e "non parla per conto del governo Usa".

I presidenti di tre commissioni della Camera hanno emesso un mandato perché il segretario di stato Mike Pompeo fornisca al Congresso entro il 4 ottobre i documenti relativi all'interazione di Trump con Zelensky nell'ambito dell' indagine di impeachment sul presidente. Tra il 2 e il 10 ottobre invece sono state fissate le deposizioni di cinque dirigenti del dipartimento di Stato, tra cui Volker.

A questo proposito Giuliani ha dichiarato che non testimonierà al Congresso nell'indagine di impeachment senza consultarsi con il Tycoon e ha sostenuto che il suo lavoro dovrebbe essere protetto dal privilegio che tutela i rapporti tra avvocato e cliente.

"Alla fine, se io fossi per il sì e lui per il no, non potrei testimoniare", ha detto, precisando di non aver parlato col presidente Usa della possibilità di una sua testimonianza.

Giuliani ha deciso intanto di rinunciare alla partecipazione come speaker a pagamento ad un evento in Armenia sponsorizzato dal Cremlino. Lo ha fatto sapere sia al New York Times e sia alla Cnn dopo la notizia, riportata dal Washington Post, sulla sua presenza alla conferenza alla quale è prevista la partecipazione anche del presidente russo Vladimir Putin.

Il presidente Trump ha incontrato Wayne LaPierre, il capo della National Rifle Association (Nra), la potente lobby delle armi americana, per discutere di possibili finanziamenti da destinare alla sua difesa dall'impeachment. Lo riporta il New York Times segnalando che Trump dovrebbe, in cambio, opporsi ad ogni legge sul controllo delle armi.

La Casa Bianca avrebbe "nascosto" in registri separati anche le trascrizioni delle telefonate del presidente Trump con il presidente russo Putin e il principe coronato saudita Mohammed bin Salman (Mbs). Lo riporta la Cnn, precisando che, per quanto riguarda Mbs, la telefonata sarebbe avvenuta dopo l'omicidio del giornalista saudita dissidente Jamal Khashoggi che l'intelligence americana ha attribuito a Riad.

La Casa Bianca, nello stesso modo, aveva limitato l'accesso alla trascrizione della telefonata tra Trump e il presidente ucraino Zelensky al centro dell'inchiesta sul possibile impeachment dell'inquilino della Casa Bianca.


--------------------
La mia striscia avventurosa:

FRANK CARTER: AVVENTURE DI UNA SPIA PER CASO

11 agosto 2015 - 21 gennaio 2020: spammone supremo
Informatore dei Mod, detto anche "Spifferone Parker"
Noto anche come "Necrologio Parker"

Nuvole di Celluloide, la mia rubrica ogni Lunedì su Lo Spazio Bianco.
PMUsers Website
Top
 
Mist
Inviato il: Sabato, 28-Set-2019, 16:37
Quote Post


Lanterna Verde
***

Gruppo: Members
Messaggi: 5696
Utente Nr.: 5800
Iscritto il: 28-Ott-2010
Città:



La piazzo quì visto che è una notizia riferente al Russiagate.
Secondo alcuni media conservatori USA il procuratore generale Bill Barr è in Italia per un indagine inerente allo spygate (l'inchiesta che segue la teoria che il Russiagate sia una montatura per screditare Trump, tale inchiesta coinvolge anche l'Italia): https://mobile.twitter.com/gatewaypundit/st...825092132364288

Cominciano a parlarne anche i media italiani: https://it.insideover.com/politica/luomo-di...rticle_redirect

Messaggio modificato da Mist il Sabato, 28-Set-2019, 17:47
PM
Top
 
Peter Parker
Inviato il: Domenica, 29-Set-2019, 10:54
Quote Post


Imperatrice spifferona
*********

Gruppo: Members
Messaggi: 126957
Utente Nr.: 34
Iscritto il: 30-Giu-2004
Città: Fuffaverso



I democratici si augurano di poter votare alla Camera l'impeachment del presidente americano Donald Trump per la per la fine di novembre. Secondo indiscrezioni riportate dalla Cnn, l'augurio è di riuscire ad avere il voto prima del giorno del ringraziamento, che cade il 28 novembre.
Trema intanto il capo dello staff della Casa Bianca. Trump sarebbe frustrato da Mick Mulvaney e dalla sua mancanza di strategia dopo la pubblicazione del sommario della conversazione telefonica fra il presidente americano e il leader ucraino Volodymyr Zelensky."E' scandaloso quello che i democratici stanno facendo", ovvero la "truffa dell'impeachment". Lo twitta il presidente americano Donald Trump, accusando i dem di non far nulla sul fronte delle armi e delle infrastrutture. "Gli unicii a cui non piace la mia conversazione con il nuovo presidente ucraino sono coloro che ascoltano Adam Schiff", il democratico presidente della commissione di Intelligence della Camera.

Il candidato democratico alle elezioni Usa del 2020, Julian Castro, chiede che la Casa Bianca consegni al Congresso il server in cui vengono conservate le trascrizioni della telefonata del presidente Donald Trump con il leader ucraino Volodymyur Zelesnky. Il server, secondo indiscrezioni, conterrebbe anche le trascrizioni delle conversazioni telefoniche con altri leader, quali il presidente russo Vladimir Putin e il principe ereditario saudita Muhammad bin Salman. Castro è convinto che la telefonata con Zelensky sia "solo la punta dell'icerberg" degli affari di Trump con leader stranieri.


--------------------
La mia striscia avventurosa:

FRANK CARTER: AVVENTURE DI UNA SPIA PER CASO

11 agosto 2015 - 21 gennaio 2020: spammone supremo
Informatore dei Mod, detto anche "Spifferone Parker"
Noto anche come "Necrologio Parker"

Nuvole di Celluloide, la mia rubrica ogni Lunedì su Lo Spazio Bianco.
PMUsers Website
Top
 
Mist
Inviato il: Lunedì, 30-Set-2019, 23:05
Quote Post


Lanterna Verde
***

Gruppo: Members
Messaggi: 5696
Utente Nr.: 5800
Iscritto il: 28-Ott-2010
Città:



Spunta fuori un'altra telefonata di Trump. Trump avrebbe telefonato al premier australiano chiedendogli d'aiutare Barr nell'inchiesta dello spygate. Non è illegale (in attesa di altri particolari) ma dimostra che la Casa Bianca è piena di whistleblowers.
https://mobile.twitter.com/NewsBreaking/sta...69176973312?p=v
PM
Top
 
Peter Parker
Inviato il: Lunedì, 30-Set-2019, 23:28
Quote Post


Imperatrice spifferona
*********

Gruppo: Members
Messaggi: 126957
Utente Nr.: 34
Iscritto il: 30-Giu-2004
Città: Fuffaverso



WASHINGTON - Dopo la telefonata tra Donald Trump e il presidente ucraino Volodimir Zelenskij, spunta una nuova rivelazione. Il presidente Usa avrebbe contattato anche il primo ministro australiano, Scott Morrison, in un'altra telefonata, per aiutare il procuratore generale William P. Barr a raccogliere informazioni riguardo un'indagine del dipartimento di Giustizia tramite cui Trump spera di screditare l'inchiesta Mueller. Lo hanno dichiarato al New York Times due funzionari americani a conoscenza della chiamata.

Intanto tre commissioni della Camera hanno ordinato a Rudy Giuliani, l'avvocato personale di Donald Trump, di consegnare la documentazione relativa alla sua interazione con l'Ucraina. La richiesta è stata avanzata nell'ambito dell'indagine di impeachment contro il presidente per aver sollecitato personalmente e tramite lo stesso Giuliani le autorità ucraine a far indagare i Biden.

La Casa Bianca nel frattempo, ha assicurato lo stesso Trump ai giornalisti, "sta cercando di scoprire" l'identità del whistleblower della telefonata fra il presidente Usa e il leader ucraino Volodimir Zelenskij, sotto protezione delle autorità federali, che ne temono per la sicurezza. Lo riportano i media Usa citando una lettera del legale dello 007, Andrew Bakaj, secondo la quale il numero uno dell'intelligence americana ha attivato le "appropriate risorse" per proteggere la fonte.



--------------------
La mia striscia avventurosa:

FRANK CARTER: AVVENTURE DI UNA SPIA PER CASO

11 agosto 2015 - 21 gennaio 2020: spammone supremo
Informatore dei Mod, detto anche "Spifferone Parker"
Noto anche come "Necrologio Parker"

Nuvole di Celluloide, la mia rubrica ogni Lunedì su Lo Spazio Bianco.
PMUsers Website
Top
 
Peter Parker
Inviato il: Martedì, 01-Ott-2019, 15:37
Quote Post


Imperatrice spifferona
*********

Gruppo: Members
Messaggi: 126957
Utente Nr.: 34
Iscritto il: 30-Giu-2004
Città: Fuffaverso



Il presidente Donald Trump avrebbe cercato una sponda all’estero nella revisione dell’indagine sul Russiagate, vale a dire sulle interferenze di Mosca nelle presidenziali americane del 2016. E tra i Paesi ai quali Washington avrebbe chiesto aiuto “per stabile le origini” dell’inchiesta del procuratore speciale Robert Mueller vi sarebbe anche Roma. Secondo il Washington Post e il New York Times, il ministro della Giustizia Usa William Barr è volato in Italia “la scorsa settimana” insieme al procuratore John Durham, al quale ha affidato la revisione del dossier di Mueller, incontrando venerdì 007 e alti funzionari del governo italiano. Sempre secondo il Wp, non sarebbe la prima volta che Barr viaggia in Italia per colloqui con dirigenti dei servizi.

Il viaggio in Italia di Barr ha preceduto quello del segretario di Stato Mike Pompeo, atterrato oggi a Roma per una visita di quattro giorni in Italia. Proprio Pompeo è nel mirino per aver partecipato alla telefonata fra Trump e il leader ucraino Volodymyr Zelensky, quella al centro dell’avvio dell’indagine per un possibile impeachment del presidente.

Assediato dal Kievgate, il presidente vorrebbe stringere con la contro-indagine affidata a Durham, con cui spera di “screditare” le indagini dell’ex procuratore speciale Mueller. Il Dipartimento di Giustizia non precisa se gli incontri abbiano riguardato o meno l’indagine sulle elezioni americane del 2016. Ma secondo le indiscrezioni del Washington Post, Barr avrebbe chiesto all’Italia assistenza sull’indagine condotta da Durham, il procuratore del Connecticut chiamato a fare chiarezza proprio sulle origini del Russiagate e a stabilire se la raccolta di informazioni dell’Fbi nel 2016 sulla campagna elettorale di Trump sia stata appropriata.

La visita non sarebbe stata la prima di Barr in Italia per incontrare esponenti dell’intelligence del nostro Pese, aggiunge il Washington Post, precisando che richieste analoghe sono state avanzate anche ad altri governi. Barr - riporta il quotidiano - sarebbe stato infatti impegnato in una serie di incontri privati con funzionari di intelligence stranieri “cercando aiuto per l’indagine del Dipartimento di Giustizia che Trump si augura siano in grado di screditare l’esame delle agenzie di intelligence americane sulle interferenze russe nelle elezioni del 2016”.

Nella sua replica Barr non smentisce: “Come precedentemente annunciato dal Dipartimento di Giustizia, un team guidato dal procuratore Usa John Durham sta indagando sulle origini dell’inchiesta della contro-intelligence sulla campagna presidenziale di Trump del 2016”, ha precisato in una nota la portavoce di Barr, Kerri Kupec. Durham “sta raccogliendo informazioni da numerose fonti, compreso un certo numero di Paesi stranieri”, ha aggiunto, senza precisare quali siano questi Stati. “Su richiesta del procuratore generale Barr, il presidente ha contattato altri Paesi per chiedergli di presentare il procuratore generale e il signor Durham ai funzionari competenti”, ha rimarcato Kupec, escludendo che il Guardasigilli abbia sollecitato Trump a fare pressioni sui leader stranieri perché collaborassero.

Anche la Casa Bianca, tramite il portavoce Hogan Gidley, ha segnalato come Barr abbia “semplicemente chiesto al presidente di fare delle presentazioni per facilitare l’indagine in corso. Lo ha fatto - ha detto - e questo è tutto”.

Fra i paesi stranieri ai quali l’amministrazione Trump avrebbe chiesto aiuto c’è l’Australia. Trump - riporta il New York Times - avrebbe fatto pressione sul premier Scott Morrison affinché aiutasse Barr a raccogliere informazioni per squalificare l’inchiesta di Mueller. Le pressioni sarebbero avvenute nel corso di una conversazione telefonica, la cui trascrizione sarebbe stata limitata ad alcuni consiglieri di Trump.

Non è casuale che il presidente americano si sia rivolto proprio all’Australia. L’inchiesta dell’Fbi sulle interferenze della Russia nelle elezioni del 2016 è infatti iniziata dopo che alcuni funzionari australiani hanno riferito che Mosca aveva aperto alla campagna di Trump per la pubblicazione di informazioni dannose su Hillary Clinton. I funzionari australiani hanno condiviso l’informazione con l’Fbi dopo aver incontrato a Londra nel maggio del 2016 George Papadopoulos, l’ex della campagna di Trump. Proprio Papadopolous ha riferito agli australiani che la Russia aveva informazioni su Hillary Clinton e che Mosca era in possesso di migliaia di scambi di email fra Clinton e l’accademico Joseph Mifsud. L’ultima volta che è stato avvistato Mifsud lavorava come “professore in visita” a Roma. Poi sarebbe sparito, precisa il New York Times.


--------------------
La mia striscia avventurosa:

FRANK CARTER: AVVENTURE DI UNA SPIA PER CASO

11 agosto 2015 - 21 gennaio 2020: spammone supremo
Informatore dei Mod, detto anche "Spifferone Parker"
Noto anche come "Necrologio Parker"

Nuvole di Celluloide, la mia rubrica ogni Lunedì su Lo Spazio Bianco.
PMUsers Website
Top
 
Mist
Inviato il: Martedì, 01-Ott-2019, 19:41
Quote Post


Lanterna Verde
***

Gruppo: Members
Messaggi: 5696
Utente Nr.: 5800
Iscritto il: 28-Ott-2010
Città:



Linko un commento du Ferguson sui guai di Trump: https://www.bostonglobe.com/opinion/2019/09...kTjI/story.html


In soldoni: se l'impeachment non riesce quasi sicuramente Trump sarà rieletto perchè i Democratici gli stanno assicurando una copertura mediatica enorme.
PM
Top
 
Mist
Inviato il: Mercoledì, 02-Ott-2019, 15:49
Quote Post


Lanterna Verde
***

Gruppo: Members
Messaggi: 5696
Utente Nr.: 5800
Iscritto il: 28-Ott-2010
Città:



Linko un'articolo di Startmag.it sulla visita di Barr in Italia e sul coinvogimento italiano nel caso Russiagate: https://www.startmag.it/mondo/tutti-i-subbu...-barr-e-mifsud/
PM
Top
Utenti totali che stanno leggendo la discussione: 0 (0 Visitatori e 0 Utenti Anonimi)
Gli utenti registrati sono 0 :

Topic Options Pagine : (23) « Prima ... 17 18 [19] 20 21 ... Ultima » Rispondi a questa discussioneInizia nuova discussioneNuovo Sondaggio

 



[ Script Execution time: 42.7045 ]   [ 22 queries used ]   [ GZIP Abilitato ]