Benvenuto Visitatore ( Connettiti | Registrati )

Cerca nel forum
Loading
Ricerca avanzata



Pagine : (9) « Prima ... 7 8 [9]   ( Vai al primo messaggio non letto ) Rispondi a questa discussioneInizia nuova discussioneNuovo Sondaggio

> Trump ha fornito informazioni top secret ai russi, Scoop del Washington Post
 
Peter Parker
Inviato il: Mercoledì, 19-Lug-2017, 11:19
Quote Post


Imperatrice
*********

Gruppo: Members
Messaggi: 113337
Utente Nr.: 34
Iscritto il: 30-Giu-2004
Città: Fuffaverso



WASHINGTON- Il procuratore speciale Robert Mueller, nominato per gestire l'inchiesta sul cosiddetto Russiagate, ha dato via libera alla testimonianza pubblica di Donald Trump Jr. e l'ex manager della campagna del presidente Usa Donald Trump, Paul Manafort, dinnanzi alla commissione Giustizia del Senato che l'aveva richiesta. Lo rende noto la Cnn citando una senatrice, Dianne Feinstein.
PM
Top
 
Peter Parker
Inviato il: Giovedì, 20-Lug-2017, 13:23
Quote Post


Imperatrice
*********

Gruppo: Members
Messaggi: 113337
Utente Nr.: 34
Iscritto il: 30-Giu-2004
Città: Fuffaverso



NEW YORK - Paul Manafort, l'ex manager della campagna di Donald Trump che sara' sentito in Senato la prossima settimana, aveva un debito con l'oligarca russo Oleg V. Deripaska e con altri esponenti russi prima di entrare a far parte della squadra del presidente. Lo riporta il New York Times citando i documenti di una banca di Cipro, dove Manafort aveva conti correnti quando lavorava in Ucraina e investiva con Deripaska.
PM
Top
 
Peter Parker
Inviato il: Venerdì, 21-Lug-2017, 11:27
Quote Post


Imperatrice
*********

Gruppo: Members
Messaggi: 113337
Utente Nr.: 34
Iscritto il: 30-Giu-2004
Città: Fuffaverso



I rapporti tra Deutsche Bank e Donald Trump e il ruolo svolto dalla banca nelle centinaia di miliardi di dollari di prestiti concessi dall’istituto tedesco all’inquilino della Casa Bianca sono finiti al centro di un’indagine delle autorità americane. La squadra capitanata dal procuratore speciale ed ex capo dell’FBI Robert Mueller, riferisce il Guardian, avrebbe infatti contattato “i banchieri di Trump” e in un secondo momento partiranno le richieste ufficiali di informazioni sugli affari tra la prima banca di Germania e l’uomo più potente al mondo.

Secondo quanto riportato da Bloomberg, Trump deve a Deutsche Bank, il suo principale creditore, circa 300 milioni di dollari. Ha quattro mutui, tutti emessi dalla banca privata di Deutsche Bank. I prestiti immobiliari sono garantiti dalle proprietà del magnate e presidente degli Stati Uniti. Si tratta di un nuovo hotel di lusso a Washington DC situato dove prima si trovava l’ufficio postale, a due passi dalla Casa Bianca, un hotel grattacielo a Chicago e il resort “Trump National Doral” a Miami.

In febbraio la banca ha esaminato I conti di Trump per capire se c’erano dei legami in corso tra il presidente e la Russia e dice di non aver scoperto nulla di sospetto. Ciononostante i rappresentanti Democratici al Congresso, dunque membri del partito all’Opposizione, hanno chiesto a Deutsche Bank di fornire tutte le informazioni dettagliate possibili sui conti in banca di Trump.

Le richieste avanzate da Maxine Waters, il capo della Commissione dei servizi finanziari della Camera, sono volte a verificare se per caso dei funzionari o delle entità russi hanno fornito garanzie finanziarie per i prestiti che sono stati concessi al presidente o ai membri della sua famiglia. Il procuratore indipendente Mueller, 72 anni, è incaricato di indagare sulla possibile ingerenza del governo russo durante le elezioni presidenziali di novembre 2016.
PM
Top
 
Peter Parker
Inviato il: Venerdì, 21-Lug-2017, 15:39
Quote Post


Imperatrice
*********

Gruppo: Members
Messaggi: 113337
Utente Nr.: 34
Iscritto il: 30-Giu-2004
Città: Fuffaverso



Alcuni degli avvocati che assistono il presidente Donald Trump stanno esplorando modi per limitare o minare l'inchiesta del procuratore speciale Robert Mueller sul cosiddetto 'Russiagate', nel tentativo di smontare il caso su quanto presumono costituisca conflitto di interesse. Lo scrive il Washington Post citando fonti informate, secondo cui inoltre i legali di Trump stanno esaminando i termini della facolta' del presidente di concedere amnistia. Per il New York Times componenti della squadra del presidente, tra avvocati e collaboratori, stanno passando al setaccio il vissuto professionale e politico degli investigatori che collaborano con il procuratore speciale.
PM
Top
 
Peter Parker
Inviato il: Sabato, 22-Lug-2017, 17:01
Quote Post


Imperatrice
*********

Gruppo: Members
Messaggi: 113337
Utente Nr.: 34
Iscritto il: 30-Giu-2004
Città: Fuffaverso



Il ministro della Giustizia Usa, Jeff Sessions, incontrò l’ambasciatore russo a Washington per discutere di temi legati alla campagna elettorale di Donald Trump durante la campagna elettorale presidenziale. Lo rivela il Washington Post sulla base di intercettazioni dell’intelligence. Secondo il quotidiano, il diplomatico Sergey Kislyak riferì ai suoi superiori a Mosca di due conversazioni avute con Sessions riguardo a tempi politici importanti per il Cremlino.

All’epoca Sessions era consigliere di politica estera di Trump e uno dei maggiori sostenitori dell’attuale presidente Usa. Il ministro della Giustizia non ha mai parlato di questi contatti con Kislyak neppure nella seduta di conferma da parte del Senato, anzi aveva dichiarato di «non aver mai avuto comunicazioni con i russi».

Notizia di un colloquio avvenuto a margine della Convention repubblicana di Cleveland era già stata resa nota a marzo dal Washington Post. Al momento Sessions non ha rilasciato commenti sulle nuove rivelazioni.

Sul caso Russiagate, intanto, accordo raggiunto tra la commissione del Senato che indaga sul caso, il figlio maggiore del presidente Usa, Donald Trump jr, e l’ex capo del campagna elettorale di Trump, Paul Manafort. I due verranno ascoltati in audizione riservata, dove potranno anche presentare documenti sulle presunte interferenze da parte di Mosca nella campagna presidenziale del 2016.

In una dichiarazione congiunta il repubblicano Chuck Grassley e la democratica Dianne Feinstein hanno precisato che il comitato non costringerà Trump jr e Manafort a testimoniare pubblicamente la prossima settimana, ma che una simile eventualità resta non esclusa per il futuro in ragione degli sviluppi dell’inchiesta.
PM
Top
 
Peter Parker
Inviato il: Domenica, 23-Lug-2017, 18:36
Quote Post


Imperatrice
*********

Gruppo: Members
Messaggi: 113337
Utente Nr.: 34
Iscritto il: 30-Giu-2004
Città: Fuffaverso



NEW YORK. La Russia ha richiamato alla base il suo ambasciatore negli Stati Uniti, Sergej Kislyak. Un'ipotesi accennata da tempo ma che ora è diventata ufficiale, con un comunicato su Twitter, proprio a poche ore dalle scottanti rivelazioni del Washington Post. Il quotidiano, ieri, aveva riportato alcune intercettazioni di intelligence in cui Kislyak si vantava con i suoi referenti al Cremlino di aver discusso con l'attuale ministro della Giustizia, Jeff Sessions, di Trump, della sua campagna elettorale e del suo futuro approccio con la Russia. Cosa che Sessions ha sempre smentito in pubblico, complicando parecchio la sua posizione.

La decisione di richiamare Kislyak poco dopo questo ultimo capitolo del Russiagate potrebbe dunque far pensare come l'inchiesta sulle presunte complicità tra lo staff di Trump e Mosca durante la campagna elettorale possa prendere una piega sempre più infausta per il presidente americano e quello russo Putin. Dopo le recenti smentite su una possibile dipartita di Kislyak, l'ultima a fine giugno, oggi il Cremlino ha ceduto. Non è stato ancora comunicato il suo successore, ma molto probabilmente sarà il viceministro degli Esteri russo Anatolj Antonov, che fino a qualche giorno fa ha condotto una dura campagna diplomatica con gli americani per far annullare le sanzioni di Obama per gli hackeraggi pre elezioni.

Kislyak, 66 anni, ambasciatore negli Stati Uniti dal 2008 e con alle spalle una prospera carriera diplomatica nell'Unione Sovietica, è una figura cruciale dell'inchiesta sul Russiagate. Oltre agli incontri e ai rapporti con Sessions, ha incontrato più volte il genero e consigliere di Trump, Jared Kushner, in almeno due occasioni, nell'aprile 2016 e poi in dicembre all Trump tower di New York. Riguardo alla prima occasione Kushner ha detto di "non ricordare", sulla seconda ha parlato semplicemente di "stabilire un contatto" dopo l'elezione del suocero alla Casa Bianca.

Ma soprattutto, Kislyak è stato strumentale nella caduta di Michael Flynn, il consigliere di Trump per la sicurezza nazionale, che a febbraio si è dovuto clamorosamente dimettere a causa di alcune conversazioni segrete con l'ex ambasciatore russo che Flynn, ufficialmente, non aveva comunicato neanche al vicepresidente Penn. Ora Kislyak, mentre l'inchiesta Russiagate si sempre più bollente, se ne va. E chissà quanti segreti porterà con sé a Mosca.
PM
Top
 
Peter Parker
Inviato il: Giovedì, 03-Ago-2017, 22:38
Quote Post


Imperatrice
*********

Gruppo: Members
Messaggi: 113337
Utente Nr.: 34
Iscritto il: 30-Giu-2004
Città: Fuffaverso



WASHINGTON - Il Russiagate esce dalle lande della sola polemica politica ed entra anche nei tribunali. Il procuratore speciale Robert Mueller ha infatti selezionato e convocato un grand jury a Washington nell'ambito dell'inchiesta sulle presunte interferenza russe nelle elezioni americane del 2016. Lo scrive il Wall Street Journal.

La convocazione di un grand jury segnala che l'inchiesta sta crescendo in intensità ed entrando in una nuova fase. Con i dovuti distinguo, è la fase processuale che in Italia avviene davanti al gip. Il grand jury, nell'ordinamento americano, è una giuria composta da dodici persone di fronte alla quale i procuratori possono richiedere documenti, presentare prove ed eventualmente sentire i testimoni sotto giuramento. Il grand jury ha poi il potere di 'rinviare a giudizio' nel caso in cui le prove presentate non sia palesemente insufficienti. La procedura davanti al grand jury avviene a porte chiuse.

Trump è indagato per 'ostruzione alla giustizia' e anche se formalmente il grand jury non può accusare il presidente in carica (l'impeachment può essere deciso solo dal Congresso) l'indagine tocca tutti i punti dello scandalo e i gangli vitali della Casa Bianca e dell'amministrazione Trump.

Le accuse per il presidente sono relative all'ipotesi che abbia chiesto all'ex direttore dell'Fbi James Comey di insabbiare l'inchiesta sui contatti tra il suo staff e funzionari russi durante la campagna elettorale, alla ricerca di materiale compromettente contro Hillary Clinton. Sono ormai molte le testimonianze che confermano i contatti tra i russi e, tra gli altri, Jared Kushner, cognato del presidente, marito di Ivanka Trump. Kushner ha ammesso gli incontri pur difendendosi: "Nessun contatto improprio, non sono colluso".

IL CONGRESSO VUOLE BLINDARE PER LEGGE IL RUOLO DI MUELLER
Mentre dal fronte giudiziario arrivano queste novità, due senatori Usa - un democratico e un repubblicano - hanno presentato un disegno di legge bipartisan pensato per proteggere la posizione di Mueller, alla luce del pressing che sta montando su di lui mentre indaga: il ddl impedirebbe al presidente usa di licenziare direttamente Mueller senza un'analisi giudiziaria.

In pratica, l'ex direttore dell'Fbi potrebbe contestare in tribunale il suo siluramento nel caso di licenziamento senza giusta causa. Il ddl è retroattivo: se approvato, sarebbe valido dal 17 maggio scorso, giorno in cui Mueller fu nominato dal numero due del dipartimento di Giustizia.
PM
Top
 
Peter Parker
Inviato il: Mercoledì, 09-Ago-2017, 17:20
Quote Post


Imperatrice
*********

Gruppo: Members
Messaggi: 113337
Utente Nr.: 34
Iscritto il: 30-Giu-2004
Città: Fuffaverso



L'Fbi ha perquisito la casa di Paul Manafort, l'ex capo della campagna elettorale del presidente Usa Donald Trump coinvolto nello scandalo dei rapporti con l'intelligence russa. Lo scrive il Washington post che cita fonti vicine all'indagine che viene condotta dal consigliere speciale, Robert Mueller.

Gli agenti federali si sono presentati a casa di Manafort senza preavviso il 26 luglio, il giorno dopo l'incontro di Manafort con la commissione di Intelligence del Senato. Hanno lasciato la casa sequestrando del materiale.

Poco tempo fa Manafort ha inviato materiale alla commissione del Senato che sta lavorando all'indagine sui rapporti tra la campagna elettorale di Trump e il Cremlino. Manafort si era dimesso dalla guida della campagna di Trump l'estate scorsa ed era stato sostituito da Steve Bannon, attuale consigliere del presidente americano.
PM
Top
 
L'Ammiraglio
Inviato il: Martedì, 15-Ago-2017, 23:36
Quote Post


Signore di Latveria
*******

Gruppo: Members
Messaggi: 17099
Utente Nr.: 48
Iscritto il: 01-Lug-2004
Città: Industriale



La saga dei commenti di Trump sui fatti di Charlottesville è veramente una cosa agghiacciante e assolutamente emblematica di quelli che francamente sono dei seri problemi mentali di una persona che non digerisce essere corretta su nulla e ammettere mai di aver sbagliato qualcosa. Dopo tutto questo tempo ancora riesce a stupire in negativo.

PS: ad aggiungere uno strato ulteriormente agghiacciante, ha difeso una manifestazione apertamente anti-semita, e i suoi nipoti sono ebrei.


--------------------
user posted image
Zendaya as MJ
PMEmail Poster
Top
 
Peter Parker
Inviato il: Giovedì, 24-Ago-2017, 12:01
Quote Post


Imperatrice
*********

Gruppo: Members
Messaggi: 113337
Utente Nr.: 34
Iscritto il: 30-Giu-2004
Città: Fuffaverso



Russiagate, spunta email per organizzare incontro con Putin ​Nella email si informa di una persona (non identificata e chiamata in codice 'WV')impegnata a trovare il canale giusto col Cremlino

I membri del Congresso americano che indagano sul Russiagate hanno scoperto una email di uno dei massimi responsabili della campagna elettorale di Donald Trump in cui si fa riferimento agli sforzi per tentare di organizzare un incontro col presidente russo Vladimir Putin. Lo riporta la Cnn, citando Rick Dearborn, ex consigliere del candidato Trump e oggi vice 'chief of staff' alla Casa Bianca. Nella email si informa di una persona (non identificata e chiamata in codice 'WV')impegnata a trovare il canale giusto col Cremlino.
PM
Top
Utenti totali che stanno leggendo la discussione: 1 (1 Visitatori e 0 Utenti Anonimi)
Gli utenti registrati sono 0 :

Topic Options Pagine : (9) « Prima ... 7 8 [9]  Rispondi a questa discussioneInizia nuova discussioneNuovo Sondaggio

 



[ Script Execution time: 0.0508 ]   [ 21 queries used ]   [ GZIP Abilitato ]