Benvenuto Visitatore ( Connettiti | Registrati )

Cerca nel forum
Loading
Ricerca avanzata



Pagine : (6) [1] 2 3 ... Ultima »  ( Vai al primo messaggio non letto ) Rispondi a questa discussioneInizia nuova discussioneNuovo Sondaggio

> Criminal - Brubaker/Phillips
 
[emo]
Inviato il: Martedý, 21-Apr-2009, 09:31
Quote Post


Diavolo Rosso
***

Gruppo: Autori
Messaggi: 5285
Utente Nr.: 202
Iscritto il: 02-Lug-2004
Città: sassari



Le impressioni che ho ricavato leggendo i primi due volumi di Criminal riguardavano la capacitÓ di Brubaker e Phillips di districarsi fra le atmosfere noir con una classe e un mestiere che fanno invidia sbavante.
Ci˛ che emerse con forza era la chiarezza d'intenti, il giusto equilibrio fra linearitÓ del percorso e variazioni nello stesso, fra adesione ai topoi del genere e della loro rielaborazione.
Criminal era ed Ŕ un ottimo esempio di come si possano rispettare le regole connaturate a una determinata forma narrativa senza rinunciare a indirizzarle al contempo in direzioni inedite.

Nei giorni scorsi ho letto il terzo volume e non solo si sono confermate tutte quelle considerazioni scaturite dalla lettura dei primi due tomi, ma appare ancora pi¨ evidente come Brubaker e Phillips stiano componendo uno straordinario e coerentissimo mosaico nero come non ne leggevo da eoni.

Siamo dinanzi allo stato grezzo del noir, alla sua forma primigenia e incontaminata, ma considerando che parliamo di un fumetto uscito nel terzo millennio e che Ŕ stato preceduto da quintali di cellulosa e chilometri di celluloide appartenenti allo stesso genere e che hanno contribuito a (ri)definirne la sintassi, dovremmo avere ben chiara la dimensione di questo capolavoro.
PMUsers WebsiteMSN
Top
 
feraldo
Inviato il: Martedý, 21-Apr-2009, 10:13
Quote Post


íHola!
*

Gruppo: Members
Messaggi: 953
Utente Nr.: 4151
Iscritto il: 21-Ott-2008
Città: Interzona



QUOTE ([emo] @ Martedý, 21-Apr-2009, 08:31)
Le impressioni che ho ricavato leggendo i primi due volumi di Criminal riguardavano la capacitÓ di Brubaker e Phillips di districarsi fra le atmosfere noir con una classe e un mestiere che fanno invidia sbavante.
Ci˛ che emerse con forza era la chiarezza d'intenti, il giusto equilibrio fra linearitÓ del percorso e variazioni nello stesso, fra adesione ai topoi del genere e della loro rielaborazione.
Criminal era ed Ŕ un ottimo esempio di come si possano rispettare le regole connaturate a una determinata forma narrativa senza rinunciare a indirizzarle al contempo in direzioni inedite.

Nei giorni scorsi ho letto il terzo volume e non solo si sono confermate tutte quelle considerazioni scaturite dalla lettura dei primi due tomi, ma appare ancora pi¨ evidente come Brubaker e Phillips stiano componendo uno straordinario e coerentissimo mosaico nero come non ne leggevo da eoni.

Siamo dinanzi allo stato grezzo del noir, alla sua forma primigenia e incontaminata, ma considerando che parliamo di un fumetto uscito nel terzo millennio e che Ŕ stato preceduto da quintali di cellulosa e chilometri di celluloide appartenenti allo stesso genere e che hanno contribuito a (ri)definirne la sintassi, dovremmo avere ben chiara la dimensione di questo capolavoro.

per me la migliore delle tre.
ma nel complesso, la serie rimane sotto le mie aspettative
PMEmail Poster
Top
Adv
Adv









Città:





Top
 
[emo]
Inviato il: Martedý, 21-Apr-2009, 10:14
Quote Post


Diavolo Rosso
***

Gruppo: Autori
Messaggi: 5285
Utente Nr.: 202
Iscritto il: 02-Lug-2004
Città: sassari



QUOTE (feraldo @ Martedý, 21-Apr-2009, 09:13)
QUOTE ([emo)
,Martedý, 21-Apr-2009, 08:31] Le impressioni che ho ricavato leggendo i primi due volumi di Criminal riguardavano la capacitÓ di Brubaker e Phillips di districarsi fra le atmosfere noir con una classe e un mestiere che fanno invidia sbavante.
Ci˛ che emerse con forza era la chiarezza d'intenti, il giusto equilibrio fra linearitÓ del percorso e variazioni nello stesso, fra adesione ai topoi del genere e della loro rielaborazione.
Criminal era ed Ŕ un ottimo esempio di come si possano rispettare le regole connaturate a una determinata forma narrativa senza rinunciare a indirizzarle al contempo in direzioni inedite.

Nei giorni scorsi ho letto il terzo volume e non solo si sono confermate tutte quelle considerazioni scaturite dalla lettura dei primi due tomi, ma appare ancora pi¨ evidente come Brubaker e Phillips stiano componendo uno straordinario e coerentissimo mosaico nero come non ne leggevo da eoni.

Siamo dinanzi allo stato grezzo del noir, alla sua forma primigenia e incontaminata, ma considerando che parliamo di un fumetto uscito nel terzo millennio e che Ŕ stato preceduto da quintali di cellulosa e chilometri di celluloide appartenenti allo stesso genere e che hanno contribuito a (ri)definirne la sintassi, dovremmo avere ben chiara la dimensione di questo capolavoro.

per me la migliore delle tre.
ma nel complesso, la serie rimane sotto le mie aspettative

perchŔ?
PMUsers WebsiteMSN
Top
 
feraldo
Inviato il: Martedý, 21-Apr-2009, 10:27
Quote Post


íHola!
*

Gruppo: Members
Messaggi: 953
Utente Nr.: 4151
Iscritto il: 21-Ott-2008
Città: Interzona



QUOTE ([emo] @ Martedý, 21-Apr-2009, 09:14)
QUOTE (feraldo @ Martedý, 21-Apr-2009, 09:13)
QUOTE ([emo)
,Martedý, 21-Apr-2009, 08:31] Le impressioni che ho ricavato leggendo i primi due volumi di Criminal riguardavano la capacitÓ di Brubaker e Phillips di districarsi fra le atmosfere noir con una classe e un mestiere che fanno invidia sbavante.
Ci˛ che emerse con forza era la chiarezza d'intenti, il giusto equilibrio fra linearitÓ del percorso e variazioni nello stesso, fra adesione ai topoi del genere e della loro rielaborazione.
Criminal era ed Ŕ un ottimo esempio di come si possano rispettare le regole connaturate a una determinata forma narrativa senza rinunciare a indirizzarle al contempo in direzioni inedite.

Nei giorni scorsi ho letto il terzo volume e non solo si sono confermate tutte quelle considerazioni scaturite dalla lettura dei primi due tomi, ma appare ancora pi¨ evidente come Brubaker e Phillips stiano componendo uno straordinario e coerentissimo mosaico nero come non ne leggevo da eoni.

Siamo dinanzi allo stato grezzo del noir, alla sua forma primigenia e incontaminata, ma considerando che parliamo di un fumetto uscito nel terzo millennio e che Ŕ stato preceduto da quintali di cellulosa e chilometri di celluloide appartenenti allo stesso genere e che hanno contribuito a (ri)definirne la sintassi, dovremmo avere ben chiara la dimensione di questo capolavoro.

per me la migliore delle tre.
ma nel complesso, la serie rimane sotto le mie aspettative

perchŔ?

Ŕ una sensazione generale.

il primo numero aveva un ottimo personaggio ma la storia mi Ŕ sembrata deboluccia.

il secondo numero aveva un personaggio meno interessante e la storia si basava su un'idea, quello dell'infiltrato nella band, piuttosto abusata.
questo ultimo numero ha una bella storia e almeno due personaggi ben caratterizzati (solo sebastian hyde non mi piace per come Ŕ stato caratterizzato adesso, meglio da vecchio nella precedente apparizione), ed una storia sceneggiata bene ma senza un climax.

in definitiva non mi dispiace la serie (interessante come dici tu il gioco ad incastro nel quadro generale, etc. etc.), ma non la definirei nÚ un capolavoro nÚ un'ottima serie.
PMEmail Poster
Top
 
[emo]
Inviato il: Martedý, 21-Apr-2009, 10:36
Quote Post


Diavolo Rosso
***

Gruppo: Autori
Messaggi: 5285
Utente Nr.: 202
Iscritto il: 02-Lug-2004
Città: sassari



QUOTE (feraldo @ Martedý, 21-Apr-2009, 09:27)
QUOTE ([emo)
,Martedý, 21-Apr-2009, 09:14]
QUOTE (feraldo @ Martedý, 21-Apr-2009, 09:13)
QUOTE ([emo)
,Martedý, 21-Apr-2009, 08:31] Le impressioni che ho ricavato leggendo i primi due volumi di Criminal riguardavano la capacitÓ di Brubaker e Phillips di districarsi fra le atmosfere noir con una classe e un mestiere che fanno invidia sbavante.
Ci˛ che emerse con forza era la chiarezza d'intenti, il giusto equilibrio fra linearitÓ del percorso e variazioni nello stesso, fra adesione ai topoi del genere e della loro rielaborazione.
Criminal era ed Ŕ un ottimo esempio di come si possano rispettare le regole connaturate a una determinata forma narrativa senza rinunciare a indirizzarle al contempo in direzioni inedite.

Nei giorni scorsi ho letto il terzo volume e non solo si sono confermate tutte quelle considerazioni scaturite dalla lettura dei primi due tomi, ma appare ancora pi¨ evidente come Brubaker e Phillips stiano componendo uno straordinario e coerentissimo mosaico nero come non ne leggevo da eoni.

Siamo dinanzi allo stato grezzo del noir, alla sua forma primigenia e incontaminata, ma considerando che parliamo di un fumetto uscito nel terzo millennio e che Ŕ stato preceduto da quintali di cellulosa e chilometri di celluloide appartenenti allo stesso genere e che hanno contribuito a (ri)definirne la sintassi, dovremmo avere ben chiara la dimensione di questo capolavoro.

per me la migliore delle tre.
ma nel complesso, la serie rimane sotto le mie aspettative

perchŔ?

Ŕ una sensazione generale.

il primo numero aveva un ottimo personaggio ma la storia mi Ŕ sembrata deboluccia.

il secondo numero aveva un personaggio meno interessante e la storia si basava su un'idea, quello dell'infiltrato nella band, piuttosto abusata.
questo ultimo numero ha una bella storia e almeno due personaggi ben caratterizzati (solo sebastian hyde non mi piace per come Ŕ stato caratterizzato adesso, meglio da vecchio nella precedente apparizione), ed una storia sceneggiata bene ma senza un climax.

in definitiva non mi dispiace la serie (interessante come dici tu il gioco ad incastro nel quadro generale, etc. etc.), ma non la definirei nÚ un capolavoro nÚ un'ottima serie.

Pi¨ che altro, quello che per me Ŕ il merito pi¨ alto di Criminal Ŕ che Brubaker (e - con lui - Phillips ai disegni, naturalmente) scrive un noir talmente classico, talmente originario che pare riportare le origini del genere proprio a Criminal stesso, con la sua adersione a un immaginario ben definito (di atmosfere, situazioni, intrecci e personaggi), riconoscibile e a quella serie di topoi che ne costituiscono le fondamenta portanti come se queste fossero state gettate/create per la prima volta proprio in Criminal.
PMUsers WebsiteMSN
Top
 
preacher
Inviato il: Martedý, 21-Apr-2009, 10:37
Quote Post


Arishem della IV Coorte
********

Gruppo: Addetti ai Lavori
Messaggi: 42177
Utente Nr.: 10
Iscritto il: 30-Giu-2004
Città: Firenze



QUOTE ([emo] @ Martedý, 21-Apr-2009, 09:36)
QUOTE (feraldo @ Martedý, 21-Apr-2009, 09:27)
QUOTE ([emo)
,Martedý, 21-Apr-2009, 09:14]
QUOTE (feraldo @ Martedý, 21-Apr-2009, 09:13)
QUOTE ([emo)
,Martedý, 21-Apr-2009, 08:31] Le impressioni che ho ricavato leggendo i primi due volumi di Criminal riguardavano la capacitÓ di Brubaker e Phillips di districarsi fra le atmosfere noir con una classe e un mestiere che fanno invidia sbavante.
Ci˛ che emerse con forza era la chiarezza d'intenti, il giusto equilibrio fra linearitÓ del percorso e variazioni nello stesso, fra adesione ai topoi del genere e della loro rielaborazione.
Criminal era ed Ŕ un ottimo esempio di come si possano rispettare le regole connaturate a una determinata forma narrativa senza rinunciare a indirizzarle al contempo in direzioni inedite.

Nei giorni scorsi ho letto il terzo volume e non solo si sono confermate tutte quelle considerazioni scaturite dalla lettura dei primi due tomi, ma appare ancora pi¨ evidente come Brubaker e Phillips stiano componendo uno straordinario e coerentissimo mosaico nero come non ne leggevo da eoni.

Siamo dinanzi allo stato grezzo del noir, alla sua forma primigenia e incontaminata, ma considerando che parliamo di un fumetto uscito nel terzo millennio e che Ŕ stato preceduto da quintali di cellulosa e chilometri di celluloide appartenenti allo stesso genere e che hanno contribuito a (ri)definirne la sintassi, dovremmo avere ben chiara la dimensione di questo capolavoro.

per me la migliore delle tre.
ma nel complesso, la serie rimane sotto le mie aspettative

perchŔ?

Ŕ una sensazione generale.

il primo numero aveva un ottimo personaggio ma la storia mi Ŕ sembrata deboluccia.

il secondo numero aveva un personaggio meno interessante e la storia si basava su un'idea, quello dell'infiltrato nella band, piuttosto abusata.
questo ultimo numero ha una bella storia e almeno due personaggi ben caratterizzati (solo sebastian hyde non mi piace per come Ŕ stato caratterizzato adesso, meglio da vecchio nella precedente apparizione), ed una storia sceneggiata bene ma senza un climax.

in definitiva non mi dispiace la serie (interessante come dici tu il gioco ad incastro nel quadro generale, etc. etc.), ma non la definirei nÚ un capolavoro nÚ un'ottima serie.

Pi¨ che altro, quello che per me Ŕ il merito pi¨ alto di Criminal Ŕ che Brubaker (e - con lui - Phillips ai disegni, naturalmente) scrive un noir talmente classico, talmente originario che pare riportare le origini del genere proprio a Criminal stesso, con la sua adersione a un immaginario ben definito (di atmosfere, situazioni, intrecci e personaggi), riconoscibile e a quella serie di topoi che ne costituiscono le fondamenta portanti come se queste fossero state gettate/create per la prima volta proprio in Criminal.

emo parla con lingua dritta (e cognizione di causa).
Only registered users can see pictures
Registrati o Entra nel forum!
PMUsers Website
Top
 
feraldo
Inviato il: Martedý, 21-Apr-2009, 10:41
Quote Post


íHola!
*

Gruppo: Members
Messaggi: 953
Utente Nr.: 4151
Iscritto il: 21-Ott-2008
Città: Interzona



QUOTE ([emo] @ Martedý, 21-Apr-2009, 09:36)

Pi¨ che altro, quello che per me Ŕ il merito pi¨ alto di Criminal Ŕ che Brubaker (e - con lui - Phillips ai disegni, naturalmente) scrive un noir talmente classico, talmente originario che pare riportare le origini del genere proprio a Criminal stesso, con la sua adersione a un immaginario ben definito (di atmosfere, situazioni, intrecci e personaggi), riconoscibile e a quella serie di topoi che ne costituiscono le fondamenta portanti come se queste fossero state gettate/create per la prima volta proprio in Criminal.

ma ti do anche ragione.
Ŕ la sensazione che mi lascia alla fine di tutto che non mi fa stare a stracciarmi i capelli.
tutto qua.
PMEmail Poster
Top
 
[emo]
Inviato il: Martedý, 21-Apr-2009, 10:44
Quote Post


Diavolo Rosso
***

Gruppo: Autori
Messaggi: 5285
Utente Nr.: 202
Iscritto il: 02-Lug-2004
Città: sassari



QUOTE (feraldo @ Martedý, 21-Apr-2009, 09:41)
QUOTE ([emo)
,Martedý, 21-Apr-2009, 09:36]
Pi¨ che altro, quello che per me Ŕ il merito pi¨ alto di Criminal Ŕ che Brubaker (e - con lui - Phillips ai disegni, naturalmente) scrive un noir talmente classico, talmente originario che pare riportare le origini del genere proprio a Criminal stesso, con la sua adersione a un immaginario ben definito (di atmosfere, situazioni, intrecci e personaggi), riconoscibile e a quella serie di topoi che ne costituiscono le fondamenta portanti come se queste fossero state gettate/create per la prima volta proprio in Criminal.

ma ti do anche ragione.
Ŕ la sensazione che mi lascia alla fine di tutto che non mi fa stare a stracciarmi i capelli.
tutto qua.

pensa che io non ne ho pi¨ e vorrei strapparli a qualcun altro pur di continuare a farlo!
Only registered users can see pictures
Registrati o Entra nel forum!


QUOTE
emo parla con lingua dritta (e cognizione di causa). 21vs.gif


troppo buono
Only registered users can see pictures
Registrati o Entra nel forum!
PMUsers WebsiteMSN
Top
 
Cassidy
Inviato il: Martedý, 21-Apr-2009, 10:47
Quote Post


Homo Superior
***

Gruppo: Members
Messaggi: 7138
Utente Nr.: 948
Iscritto il: 13-Dic-2004
Città: Cremona



QUOTE (feraldo @ Martedý, 21-Apr-2009, 09:27)
Ŕ una sensazione generale.

il primo numero aveva un ottimo personaggio ma la storia mi Ŕ sembrata deboluccia.

il secondo numero aveva un personaggio meno interessante e la storia si basava su un'idea, quello dell'infiltrato nella band, piuttosto abusata.
questo ultimo numero ha una bella storia e almeno due personaggi ben caratterizzati (solo sebastian hyde non mi piace per come Ŕ stato caratterizzato adesso, meglio da vecchio nella precedente apparizione), ed una storia sceneggiata bene ma senza un climax.

in definitiva non mi dispiace la serie (interessante come dici tu il gioco ad incastro nel quadro generale, etc. etc.), ma non la definirei nÚ un capolavoro nÚ un'ottima serie.

Secondo me Ŕ proprio l'anti climax il punto di forza di questo volume, perchŔ non serve un climax o un momento di catartico per capire che tutto andrÓ a puttane: una negra non sposerÓ mai il figlio di un boss, uno schizzato del vietnam non metterÓ mai a segno il colpo giusto, quello che ti sistema per la vita, tutto va come Ŕ "giusto" che vada, da certi ruoli non ci scappi. tutto qui, non serviva nessun effetto speciale.
PMEmail Poster
Top
 
[emo]
Inviato il: Martedý, 21-Apr-2009, 10:50
Quote Post


Diavolo Rosso
***

Gruppo: Autori
Messaggi: 5285
Utente Nr.: 202
Iscritto il: 02-Lug-2004
Città: sassari



QUOTE (Cassidy @ Martedý, 21-Apr-2009, 09:47)
QUOTE (feraldo @ Martedý, 21-Apr-2009, 09:27)
Ŕ una sensazione generale.

il primo numero aveva un ottimo personaggio ma la storia mi Ŕ sembrata deboluccia.

il secondo numero aveva un personaggio meno interessante e la storia si basava su un'idea, quello dell'infiltrato nella band, piuttosto abusata.
questo ultimo numero ha una bella storia e almeno due personaggi ben caratterizzati (solo sebastian hyde non mi piace per come Ŕ stato caratterizzato adesso, meglio da vecchio nella precedente apparizione), ed una storia sceneggiata bene ma senza un climax.

in definitiva non mi dispiace la serie (interessante come dici tu il gioco ad incastro nel quadro generale, etc. etc.), ma non la definirei nÚ un capolavoro nÚ un'ottima serie.

Secondo me Ŕ proprio l'anti climax il punto di forza di questo volume, perchŔ non serve un climax o un momento di catartico per capire che tutto andrÓ a puttane: una negra non sposerÓ mai il figlio di un boss, uno schizzato del vietnam non metterÓ mai a segno il colpo giusto, quello che ti sistema per la vita, tutto va come Ŕ "giusto" che vada, da certi ruoli non ci scappi. tutto qui, non serviva nessun effetto speciale.

ovviamente concordo.
ha tutto a che fare con uno dei temi-base del noir, l'ineluttabilitÓ: non Ŕ tanto il cosa succederÓ (che Ŕ prevedibile, Ŕ scritto), ma come e quando.
Only registered users can see pictures
Registrati o Entra nel forum!
PMUsers WebsiteMSN
Top
 
preacher
Inviato il: Martedý, 21-Apr-2009, 10:56
Quote Post


Arishem della IV Coorte
********

Gruppo: Addetti ai Lavori
Messaggi: 42177
Utente Nr.: 10
Iscritto il: 30-Giu-2004
Città: Firenze



QUOTE (Cassidy @ Martedý, 21-Apr-2009, 09:47)
QUOTE (feraldo @ Martedý, 21-Apr-2009, 09:27)
Ŕ una sensazione generale.

il primo numero aveva un ottimo personaggio ma la storia mi Ŕ sembrata deboluccia.

il secondo numero aveva un personaggio meno interessante e la storia si basava su un'idea, quello dell'infiltrato nella band, piuttosto abusata.
questo ultimo numero ha una bella storia e almeno due personaggi ben caratterizzati (solo sebastian hyde non mi piace per come Ŕ stato caratterizzato adesso, meglio da vecchio nella precedente apparizione), ed una storia sceneggiata bene ma senza un climax.

in definitiva non mi dispiace la serie (interessante come dici tu il gioco ad incastro nel quadro generale, etc. etc.), ma non la definirei nÚ un capolavoro nÚ un'ottima serie.

Secondo me Ŕ proprio l'anti climax il punto di forza di questo volume, perchŔ non serve un climax o un momento di catartico per capire che tutto andrÓ a puttane: una negra non sposerÓ mai il figlio di un boss, uno schizzato del vietnam non metterÓ mai a segno il colpo giusto, quello che ti sistema per la vita, tutto va come Ŕ "giusto" che vada, da certi ruoli non ci scappi. tutto qui, non serviva nessun effetto speciale.

l'anticlimax Ŕ uno degli elementi fondamentali del noir classico (penso a woolrich, ma soprattutto a david goodis e jim thompson). tutto Ŕ destinato a finir male per i protagonisti fin dall'inizio.
nel noir non Ŕ importante la meta (la fine della storia) quanto il viaggio (lo svolgimento per arrivare a quella fine) e i viaggiatori (i protagonisti della storia).
PMUsers Website
Top
 
[emo]
Inviato il: Martedý, 21-Apr-2009, 11:01
Quote Post


Diavolo Rosso
***

Gruppo: Autori
Messaggi: 5285
Utente Nr.: 202
Iscritto il: 02-Lug-2004
Città: sassari



QUOTE (preacher @ Martedý, 21-Apr-2009, 09:56)
QUOTE (Cassidy @ Martedý, 21-Apr-2009, 09:47)
QUOTE (feraldo @ Martedý, 21-Apr-2009, 09:27)
Ŕ una sensazione generale.

il primo numero aveva un ottimo personaggio ma la storia mi Ŕ sembrata deboluccia.

il secondo numero aveva un personaggio meno interessante e la storia si basava su un'idea, quello dell'infiltrato nella band, piuttosto abusata.
questo ultimo numero ha una bella storia e almeno due personaggi ben caratterizzati (solo sebastian hyde non mi piace per come Ŕ stato caratterizzato adesso, meglio da vecchio nella precedente apparizione), ed una storia sceneggiata bene ma senza un climax.

in definitiva non mi dispiace la serie (interessante come dici tu il gioco ad incastro nel quadro generale, etc. etc.), ma non la definirei nÚ un capolavoro nÚ un'ottima serie.

Secondo me Ŕ proprio l'anti climax il punto di forza di questo volume, perchŔ non serve un climax o un momento di catartico per capire che tutto andrÓ a puttane: una negra non sposerÓ mai il figlio di un boss, uno schizzato del vietnam non metterÓ mai a segno il colpo giusto, quello che ti sistema per la vita, tutto va come Ŕ "giusto" che vada, da certi ruoli non ci scappi. tutto qui, non serviva nessun effetto speciale.

l'anticlimax Ŕ uno degli elementi fondamentali del noir classico (penso a woolrich, ma soprattutto a david goodis e jim thompson). tutto Ŕ destinato a finir male per i protagonisti fin dall'inizio.
nel noir non Ŕ importante la meta (la fine della storia) quanto il viaggio (lo svolgimento per arrivare a quella fine) e i viaggiatori (i protagonisti della storia).

a proposito di lingua dritta...
Only registered users can see pictures
Registrati o Entra nel forum!
PMUsers WebsiteMSN
Top
 
preacher
Inviato il: Martedý, 21-Apr-2009, 11:03
Quote Post


Arishem della IV Coorte
********

Gruppo: Addetti ai Lavori
Messaggi: 42177
Utente Nr.: 10
Iscritto il: 30-Giu-2004
Città: Firenze



QUOTE ([emo] @ Martedý, 21-Apr-2009, 10:01)
QUOTE (preacher @ Martedý, 21-Apr-2009, 09:56)
QUOTE (Cassidy @ Martedý, 21-Apr-2009, 09:47)
QUOTE (feraldo @ Martedý, 21-Apr-2009, 09:27)
Ŕ una sensazione generale.

il primo numero aveva un ottimo personaggio ma la storia mi Ŕ sembrata deboluccia.

il secondo numero aveva un personaggio meno interessante e la storia si basava su un'idea, quello dell'infiltrato nella band, piuttosto abusata.
questo ultimo numero ha una bella storia e almeno due personaggi ben caratterizzati (solo sebastian hyde non mi piace per come Ŕ stato caratterizzato adesso, meglio da vecchio nella precedente apparizione), ed una storia sceneggiata bene ma senza un climax.

in definitiva non mi dispiace la serie (interessante come dici tu il gioco ad incastro nel quadro generale, etc. etc.), ma non la definirei nÚ un capolavoro nÚ un'ottima serie.

Secondo me Ŕ proprio l'anti climax il punto di forza di questo volume, perchŔ non serve un climax o un momento di catartico per capire che tutto andrÓ a puttane: una negra non sposerÓ mai il figlio di un boss, uno schizzato del vietnam non metterÓ mai a segno il colpo giusto, quello che ti sistema per la vita, tutto va come Ŕ "giusto" che vada, da certi ruoli non ci scappi. tutto qui, non serviva nessun effetto speciale.

l'anticlimax Ŕ uno degli elementi fondamentali del noir classico (penso a woolrich, ma soprattutto a david goodis e jim thompson). tutto Ŕ destinato a finir male per i protagonisti fin dall'inizio.
nel noir non Ŕ importante la meta (la fine della storia) quanto il viaggio (lo svolgimento per arrivare a quella fine) e i viaggiatori (i protagonisti della storia).

a proposito di lingua dritta...
Only registered users can see pictures
Registrati o Entra nel forum!

io e il noir siamo amici di vecchia data...
Only registered users can see pictures
Registrati o Entra nel forum!
PMUsers Website
Top
 
[emo]
Inviato il: Martedý, 21-Apr-2009, 11:10
Quote Post


Diavolo Rosso
***

Gruppo: Autori
Messaggi: 5285
Utente Nr.: 202
Iscritto il: 02-Lug-2004
Città: sassari



QUOTE (preacher @ Martedý, 21-Apr-2009, 10:03)
QUOTE ([emo)
,Martedý, 21-Apr-2009, 10:01]
QUOTE (preacher @ Martedý, 21-Apr-2009, 09:56)
QUOTE (Cassidy @ Martedý, 21-Apr-2009, 09:47)
QUOTE (feraldo @ Martedý, 21-Apr-2009, 09:27)
Ŕ una sensazione generale.

il primo numero aveva un ottimo personaggio ma la storia mi Ŕ sembrata deboluccia.

il secondo numero aveva un personaggio meno interessante e la storia si basava su un'idea, quello dell'infiltrato nella band, piuttosto abusata.
questo ultimo numero ha una bella storia e almeno due personaggi ben caratterizzati (solo sebastian hyde non mi piace per come Ŕ stato caratterizzato adesso, meglio da vecchio nella precedente apparizione), ed una storia sceneggiata bene ma senza un climax.

in definitiva non mi dispiace la serie (interessante come dici tu il gioco ad incastro nel quadro generale, etc. etc.), ma non la definirei nÚ un capolavoro nÚ un'ottima serie.

Secondo me Ŕ proprio l'anti climax il punto di forza di questo volume, perchŔ non serve un climax o un momento di catartico per capire che tutto andrÓ a puttane: una negra non sposerÓ mai il figlio di un boss, uno schizzato del vietnam non metterÓ mai a segno il colpo giusto, quello che ti sistema per la vita, tutto va come Ŕ "giusto" che vada, da certi ruoli non ci scappi. tutto qui, non serviva nessun effetto speciale.

l'anticlimax Ŕ uno degli elementi fondamentali del noir classico (penso a woolrich, ma soprattutto a david goodis e jim thompson). tutto Ŕ destinato a finir male per i protagonisti fin dall'inizio.
nel noir non Ŕ importante la meta (la fine della storia) quanto il viaggio (lo svolgimento per arrivare a quella fine) e i viaggiatori (i protagonisti della storia).

a proposito di lingua dritta...
Only registered users can see pictures
Registrati o Entra nel forum!

io e il noir siamo amici di vecchia data...
Only registered users can see pictures
Registrati o Entra nel forum!

comprensibile, dato che sei pi¨ vecchio di me
Only registered users can see pictures
Registrati o Entra nel forum!


Tornando a Criminal, il terzo paperback Ŕ quello che mi ha colpito maggiormente per l'assoluta padronanza della materia, per la costruzione della storia/delle storie e per la scelta dei personaggi.
PMUsers WebsiteMSN
Top
 
preacher
Inviato il: Martedý, 21-Apr-2009, 11:16
Quote Post


Arishem della IV Coorte
********

Gruppo: Addetti ai Lavori
Messaggi: 42177
Utente Nr.: 10
Iscritto il: 30-Giu-2004
Città: Firenze



QUOTE ([emo] @ Martedý, 21-Apr-2009, 10:10)
QUOTE (preacher @ Martedý, 21-Apr-2009, 10:03)
QUOTE ([emo)
,Martedý, 21-Apr-2009, 10:01]
QUOTE (preacher @ Martedý, 21-Apr-2009, 09:56)
QUOTE (Cassidy @ Martedý, 21-Apr-2009, 09:47)
QUOTE (feraldo @ Martedý, 21-Apr-2009, 09:27)
Ŕ una sensazione generale.

il primo numero aveva un ottimo personaggio ma la storia mi Ŕ sembrata deboluccia.

il secondo numero aveva un personaggio meno interessante e la storia si basava su un'idea, quello dell'infiltrato nella band, piuttosto abusata.
questo ultimo numero ha una bella storia e almeno due personaggi ben caratterizzati (solo sebastian hyde non mi piace per come Ŕ stato caratterizzato adesso, meglio da vecchio nella precedente apparizione), ed una storia sceneggiata bene ma senza un climax.

in definitiva non mi dispiace la serie (interessante come dici tu il gioco ad incastro nel quadro generale, etc. etc.), ma non la definirei nÚ un capolavoro nÚ un'ottima serie.

Secondo me Ŕ proprio l'anti climax il punto di forza di questo volume, perchŔ non serve un climax o un momento di catartico per capire che tutto andrÓ a puttane: una negra non sposerÓ mai il figlio di un boss, uno schizzato del vietnam non metterÓ mai a segno il colpo giusto, quello che ti sistema per la vita, tutto va come Ŕ "giusto" che vada, da certi ruoli non ci scappi. tutto qui, non serviva nessun effetto speciale.

l'anticlimax Ŕ uno degli elementi fondamentali del noir classico (penso a woolrich, ma soprattutto a david goodis e jim thompson). tutto Ŕ destinato a finir male per i protagonisti fin dall'inizio.
nel noir non Ŕ importante la meta (la fine della storia) quanto il viaggio (lo svolgimento per arrivare a quella fine) e i viaggiatori (i protagonisti della storia).

a proposito di lingua dritta...
Only registered users can see pictures
Registrati o Entra nel forum!

io e il noir siamo amici di vecchia data...
Only registered users can see pictures
Registrati o Entra nel forum!

comprensibile, dato che sei pi¨ vecchio di me
Only registered users can see pictures
Registrati o Entra nel forum!


Tornando a Criminal, il terzo paperback Ŕ quello che mi ha colpito maggiormente per l'assoluta padronanza della materia, per la costruzione della storia/delle storie e per la scelta dei personaggi.

in effetti il terzo tp Ŕ interessante per come le tre micro-storie dei personaggi raccontino particolari della macro-storia che li coinvolge.
ricorda molto il concetto alla base di "rapina a mano armata", senza per˛ limitarsi all'evento in se'del delitto ma allargandosi alle storie personali dei personaggi, che attraverso scelte sbagliate influenzano la vita propria e degli altri fino ad arrivare a quelle che sono le sole conclusioni possibili per le loro vicende.
PMUsers Website
Top
Utenti totali che stanno leggendo la discussione: 0 (0 Visitatori e 0 Utenti Anonimi)
Gli utenti registrati sono 0 :

Topic Options Pagine : (6) [1] 2 3 ... Ultima » Rispondi a questa discussioneInizia nuova discussioneNuovo Sondaggio

 



[ Script Execution time: 0.0432 ]   [ 21 queries used ]   [ GZIP Abilitato ]