Benvenuto Visitatore ( Connettiti | Registrati )

Cerca nel forum
Loading
Ricerca avanzata



Pagine : (3) 1 2 [3]   ( Vai al primo messaggio non letto ) Rispondi a questa discussioneInizia nuova discussioneNuovo Sondaggio

> Stop alla Net-neutrality?
 
Comics Boy
Inviato il: Domenica, 24-Dic-2017, 13:28
Quote Post


Uomo Mascherato
**

Gruppo: Members
Messaggi: 1019
Utente Nr.: 4829
Iscritto il: 24-Ott-2009
Città: Torre del Greco



QUOTE (bribs81 @ Domenica, 24-Dic-2017, 11:58)
Posto che sono contrario alla legge USA, qualcuno mi spiega il motivo per cui questa norma sfavorirebbe i siti di fake news?



I providers potrebbero riuscire a rallentare i siti specializzati,come già stanno cominciato a fare i social bloccando gruppi di estrema destra o fondamentalisti.


PMEmail Poster
Top
 
bribs81
Inviato il: Domenica, 24-Dic-2017, 14:23
Quote Post


Spirito con la Scure
**

Gruppo: Members
Messaggi: 1984
Utente Nr.: 630
Iscritto il: 24-Ago-2004
Città: Cesena



QUOTE (Comics Boy @ Domenica, 24-Dic-2017, 05:28)
QUOTE (bribs81 @ Domenica, 24-Dic-2017, 11:58)
Posto che sono contrario alla legge USA, qualcuno mi spiega il motivo per cui questa norma sfavorirebbe i siti di fake news?



I providers potrebbero riuscire a rallentare i siti specializzati,come già stanno cominciato a fare i social bloccando gruppi di estrema destra o fondamentalisti.

Mi sfugge una cosa nel tuo ragionamento.
Dire che un sito è rallentato è una cosa, bloccarlo è un altra.
Se il sito è rallentato allora, come ho scritto sopra, serve a poco o niente.
Se invece il sito è bloccato, allora significa che i providers possono scegliere chi bloccare e chi no, per cui il tuo ragionamento che quoto sotto non funziona più.

QUOTE (Comics Boy @ Venerdì, 24-Nov-2017, 11:05)

Per quanto riguarda quelli che leggono i vari quotidiani perché gli piace confrontare le varie opinioni...30 secondi in più non dovrebbero creargli grandi problemi,altrimenti appartengono a quella tipologia di utenti che leggono su Facebook i meme fasulli della Boldrini e mettono il pollice.


Perché 30 secondi dovrebbero creare grandi problemi a chi pubblica fake news, considerando che altissime percentuali di chi pubblica la fake, poi non la legge?


Per quel che mi riguarda, la differenza tra rallentare o bloccare, applicata ad internet, ha la stessa valenza di vivere o morire.


--------------------
by
Brib's '81

user posted image

Well, what possible harm could one insane mutant tentacle do?
PMMSN
Top
 
Comics Boy
Inviato il: Domenica, 24-Dic-2017, 15:15
Quote Post


Uomo Mascherato
**

Gruppo: Members
Messaggi: 1019
Utente Nr.: 4829
Iscritto il: 24-Ott-2009
Città: Torre del Greco



QUOTE (bribs81 @ Domenica, 24-Dic-2017, 13:23)
QUOTE (Comics Boy @ Domenica, 24-Dic-2017, 05:28)
QUOTE (bribs81 @ Domenica, 24-Dic-2017, 11:58)
Posto che sono contrario alla legge USA, qualcuno mi spiega il motivo per cui questa norma sfavorirebbe i siti di fake news?



I providers potrebbero riuscire a rallentare i siti specializzati,come già stanno cominciato a fare i social bloccando gruppi di estrema destra o fondamentalisti.

Mi sfugge una cosa nel tuo ragionamento.
Dire che un sito è rallentato è una cosa, bloccarlo è un altra.
Se il sito è rallentato allora, come ho scritto sopra, serve a poco o niente.
Se invece il sito è bloccato, allora significa che i providers possono scegliere chi bloccare e chi no, per cui il tuo ragionamento che quoto sotto non funziona più.

QUOTE (Comics Boy @ Venerdì, 24-Nov-2017, 11:05)

Per quanto riguarda quelli che leggono i vari quotidiani perché gli piace confrontare le varie opinioni...30 secondi in più non dovrebbero creargli grandi problemi,altrimenti appartengono a quella tipologia di utenti che leggono su Facebook i meme fasulli della Boldrini e mettono il pollice.


Perché 30 secondi dovrebbero creare grandi problemi a chi pubblica fake news, considerando che altissime percentuali di chi pubblica la fake, poi non la legge?


Per quel che mi riguarda, la differenza tra rallentare o bloccare, applicata ad internet, ha la stessa valenza di vivere o morire.


I social possono chiudere gruppi che stanno sulle loro piattaforme.I providers possono solo rallentare siti specializzati e così ridurre le loro visualizzazioni e declassarli nei motori di ricerca,proprio perché i lettori di fake news in media non hanno grande interesse ad approfondire ciò che notano e così anche le condivisioni calerebbero.

Sui meme,effettivamente è un altro discorso,però solitamente la loro maggiore suddivisione la si ha quando vengono condivisi su gruppi social

Non ho mai parlato di bloccare i siti autonomi e,dopo aver osservato alcuni studi,non credo neanche che siano così ininfluenti sul dirigere le decisioni della massa come talvolta viene sostenuto.

La pigrizia è preponderante,la premeditazione meno,IMHO.



PMEmail Poster
Top
 
bribs81
Inviato il: Domenica, 24-Dic-2017, 15:54
Quote Post


Spirito con la Scure
**

Gruppo: Members
Messaggi: 1984
Utente Nr.: 630
Iscritto il: 24-Ago-2004
Città: Cesena



QUOTE (Comics Boy @ Domenica, 24-Dic-2017, 07:15)
QUOTE (bribs81 @ Domenica, 24-Dic-2017, 13:23)
QUOTE (Comics Boy @ Domenica, 24-Dic-2017, 05:28)
QUOTE (bribs81 @ Domenica, 24-Dic-2017, 11:58)
Posto che sono contrario alla legge USA, qualcuno mi spiega il motivo per cui questa norma sfavorirebbe i siti di fake news?



I providers potrebbero riuscire a rallentare i siti specializzati,come già stanno cominciato a fare i social bloccando gruppi di estrema destra o fondamentalisti.

Mi sfugge una cosa nel tuo ragionamento.
Dire che un sito è rallentato è una cosa, bloccarlo è un altra.
Se il sito è rallentato allora, come ho scritto sopra, serve a poco o niente.
Se invece il sito è bloccato, allora significa che i providers possono scegliere chi bloccare e chi no, per cui il tuo ragionamento che quoto sotto non funziona più.

QUOTE (Comics Boy @ Venerdì, 24-Nov-2017, 11:05)

Per quanto riguarda quelli che leggono i vari quotidiani perché gli piace confrontare le varie opinioni...30 secondi in più non dovrebbero creargli grandi problemi,altrimenti appartengono a quella tipologia di utenti che leggono su Facebook i meme fasulli della Boldrini e mettono il pollice.


Perché 30 secondi dovrebbero creare grandi problemi a chi pubblica fake news, considerando che altissime percentuali di chi pubblica la fake, poi non la legge?


Per quel che mi riguarda, la differenza tra rallentare o bloccare, applicata ad internet, ha la stessa valenza di vivere o morire.


I social possono chiudere gruppi che stanno sulle loro piattaforme.I providers possono solo rallentare siti specializzati e così ridurre le loro visualizzazioni e declassarli nei motori di ricerca,proprio perché i lettori di fake news in media non hanno grande interesse ad approfondire ciò che notano e così anche le condivisioni calerebbero.

Sui meme,effettivamente è un altro discorso,però solitamente la loro maggiore suddivisione la si ha quando vengono condivisi su gruppi social

Non ho mai parlato di bloccare i siti autonomi e,dopo aver osservato alcuni studi,non credo neanche che siano così ininfluenti sul dirigere le decisioni della massa come talvolta viene sostenuto.

La pigrizia è preponderante,la premeditazione meno,IMHO.

Hai ragione, ho letto male l'ultima parte che hai scritto.
Comunque dalle tue risposte, ci vedo un pò la conclusione che mi son trovato da solo io:
Per combattere le bufale servono interventi dai social, non dai provider.

Di tutte le influenze positive e negative che potrà avere questa legge, non avrà alcun impatto sul fenomeno delle fake news.


--------------------
by
Brib's '81

user posted image

Well, what possible harm could one insane mutant tentacle do?
PMMSN
Top
 
Comics Boy
Inviato il: Lunedì, 25-Dic-2017, 13:49
Quote Post


Uomo Mascherato
**

Gruppo: Members
Messaggi: 1019
Utente Nr.: 4829
Iscritto il: 24-Ott-2009
Città: Torre del Greco




QUOTE (bribs81 @ Domenica, 24-Dic-2017, 14:54)
QUOTE (Comics Boy @ Domenica, 24-Dic-2017, 07:15)
QUOTE (bribs81 @ Domenica, 24-Dic-2017, 13:23)
QUOTE (Comics Boy @ Domenica, 24-Dic-2017, 05:28)
QUOTE (bribs81 @ Domenica, 24-Dic-2017, 11:58)
Posto che sono contrario alla legge USA, qualcuno mi spiega il motivo per cui questa norma sfavorirebbe i siti di fake news?



I providers potrebbero riuscire a rallentare i siti specializzati,come già stanno cominciato a fare i social bloccando gruppi di estrema destra o fondamentalisti.

Mi sfugge una cosa nel tuo ragionamento.
Dire che un sito è rallentato è una cosa, bloccarlo è un altra.
Se il sito è rallentato allora, come ho scritto sopra, serve a poco o niente.
Se invece il sito è bloccato, allora significa che i providers possono scegliere chi bloccare e chi no, per cui il tuo ragionamento che quoto sotto non funziona più.

QUOTE (Comics Boy @ Venerdì, 24-Nov-2017, 11:05)

Per quanto riguarda quelli che leggono i vari quotidiani perché gli piace confrontare le varie opinioni...30 secondi in più non dovrebbero creargli grandi problemi,altrimenti appartengono a quella tipologia di utenti che leggono su Facebook i meme fasulli della Boldrini e mettono il pollice.


Perché 30 secondi dovrebbero creare grandi problemi a chi pubblica fake news, considerando che altissime percentuali di chi pubblica la fake, poi non la legge?


Per quel che mi riguarda, la differenza tra rallentare o bloccare, applicata ad internet, ha la stessa valenza di vivere o morire.


I social possono chiudere gruppi che stanno sulle loro piattaforme.I providers possono solo rallentare siti specializzati e così ridurre le loro visualizzazioni e declassarli nei motori di ricerca,proprio perché i lettori di fake news in media non hanno grande interesse ad approfondire ciò che notano e così anche le condivisioni calerebbero.

Sui meme,effettivamente è un altro discorso,però solitamente la loro maggiore suddivisione la si ha quando vengono condivisi su gruppi social

Non ho mai parlato di bloccare i siti autonomi e,dopo aver osservato alcuni studi,non credo neanche che siano così ininfluenti sul dirigere le decisioni della massa come talvolta viene sostenuto.

La pigrizia è preponderante,la premeditazione meno,IMHO.

Hai ragione, ho letto male l'ultima parte che hai scritto.
Comunque dalle tue risposte, ci vedo un pò la conclusione che mi son trovato da solo io:
Per combattere le bufale servono interventi dai social, non dai provider.

Di tutte le influenze positive e negative che potrà avere questa legge, non avrà alcun impatto sul fenomeno delle fake news.


I siti di fake news non possono essere rallentati dai social.Ora potrebbe divenire fattibile.Almeno per quei siti non abbastanza influenti da pagarsi una banda rapida.


PMEmail Poster
Top
Utenti totali che stanno leggendo la discussione: 0 (0 Visitatori e 0 Utenti Anonimi)
Gli utenti registrati sono 0 :

Topic Options Pagine : (3) 1 2 [3]  Rispondi a questa discussioneInizia nuova discussioneNuovo Sondaggio

 



[ Script Execution time: 0.0818 ]   [ 22 queries used ]   [ GZIP Abilitato ]